Sanità
Settimana del monitoraggio del Pronto Soccorso, Cittadinanzattiva denuncia: "A Fermo troppi pochi medici e posti letto"

Per il 35° anno di attività del Tribunale per i diritti del malato, Cittadinanzattiva Nazionale ha partecipato alla Settimana del Pronto Soccorso, promossa dalla Società Italiana di Medicina di Emergenza-Urgenza (SIMEU) con l’obiettivo di puntare i riflettori per l'appunto sui dipartimenti di emergenza-urgenza e favorire il dialogo fra personale sanitario e cittadini, per migliorare la qualità del servizio offerto e far rilevare i punti di forza e le buone pratiche presenti.

Settimana del monitoraggio del Pronto Soccorso, Cittadinanzattiva denuncia:

Lo Sportello Provinciale di Cittadinanzattiva di Fermo, tramite il Tribunale per i diritti del Malato (TdM), ha ottenuto un valido consenso e collaborazione da parte della Direttrice Sanitaria, la Dott.ssa Padovani, e dal Primario del Pronto Soccorso, Dott. Fabrizio Giostra.

Gli elementi rilevati al 4-7-2018 dal Monitoraggio effettuato presso il Pronto Soccorso (PS) dell’Ospedale Murri di Fermo, sono i seguenti. Su 44 persone intervistate fra famigliari accompagnatori, pazienti in attesa di visita dopo il triage e pazienti in attesa di ricovero o di dimissioni:

- il 60% arriva al PS su consiglio del medico di famiglia o del medico di guardia; il 40% perché il PS offre maggiori prestazioni o perché il medico di famiglia è fuori dalla sua fascia oraria di reperibilità;
- il 100% è contento della nuova struttura sanitaria che consente una privacy più consona e spazi vivibili;
- il 70% è soddisfatto delle prestazioni mediche, ma non dell’attenzione ricevuta su tutto il percorso (dimenticanze, nervosismo da parte di qualche operatore infermieristico ecc.);
- il 90% trova carente l’informazione su tutto il percorso (manca un display che in tempo reale comunichi al paziente la propria posizione e il codice attribuito, mancano informazioni utili sul funzionamento del PS in generale);
- il 70% subisce attese superiori alle 10 ore, non al triage, ritenuto veloce, ma dopo il triage, nell’attesa quindi della prima visita medica, della visita specialistica o del ricovero;


Si rileva quindi la mancanza di posti-letto per permettere il ricovero immediato nei vari reparti. Ci sia concessa una parentesi: su 534 posti per acuzie di cui dovremmo disporre, 3 ogni 1000 abitanti, l’Area Vasta (AV) n. 4 di Fermo ne ha solo 291, e dei 53 posti-letto per lungo degenze non ne dispone alcuno. Una decurtazione del 44,70% per la nostra Area Vasta, quando in tutte le altre aree vaste delle Marche la diminuzione effettuata è stata del 30%.


Si rileva poi la mancanza di un congruo numero di medici di Pronto Soccorso: su un bacino di utenza di 176.380 abitanti della Provincia di Fermo, il personale medico dell’unico Pronto Soccorso di Fermo è di 17 unità (1 medico ogni 10.375 utenti). Nella provincia di Ascoli Piceno, con un bacino di utenza di 211.266 abitanti, il numero totale dei medici di Pronto Soccorso è di 32 unità (1 medico ogni 6602 utenti). Non vogliamo sottolineare che questi ultimi siano troppi, anzi, vogliamo solo rilevare che Fermo ha, in proporzione a loro, alcuni medici in meno. Unità mediche che, se integrate, farebbero sicuramente eliminare tutte le problematiche emerse al PS di Fermo, che non riguardano certo la professionalità di tutto il personale medico-infermieristico, che è stata unanimemente riconosciuta e apprezzata. Anzi va detto proprio che il superlavoro di certi momenti al Pronto Soccorso farebbe desistere qualunque professionista dal compiere un lavoro così delicato e ingrato.

il compito di Cittadinanzattiva e del Tribunale per i diritti del Malato è quello di far emergere le problematiche esistenti nella rete sanitaria dell’Area Vasta 4 e di tentare di migliorarne il servizio, insieme al personale preposto, poiché crediamo fermamente in un’omogeneità sanitaria regionale capace di ridare fiducia ai cittadini della nostra Provincia su un sistema sanitario che collochi la dignità della persona al primo posto, nonostante i continui tagli alla Sanità pubblica da parte dello Stato.

Letture:2281
Data pubblicazione : 07/09/2018 15:29
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications