Sanità
Una due giorni ricca di prospettive future e collaborazioni di ricerca per lo Studio Firmano: bilancio positivo per la 39esima Tornata -Conferenza Internazionale di Storia della Medicina

Bilancio altamente positivo sul piano scientifico ed organizzativo per la 39esima Tornata-Conferenza Internazionale di Storia della Medicina e per il Simposio Medico che si sono appena conclusi a Fermo. Tante le presenze illustri e le prospettive di ricerca future che si sono aperte per lo Studio Firmano durante le due giornate di conferenza.

Una due giorni ricca di prospettive future e collaborazioni di ricerca per lo Studio Firmano: bilancio positivo per la 39esima Tornata -Conferenza Internazionale di Storia della Medicina

Nel segno di Loris Premuda, esce ulteriormente rafforzato il legame con l`ateneo padovano rappresentato dal prof. Maurizio Rippa Bonati, che in qualità di delegato del Rettore dell`Università di Padova ha portato il suo saluto, formulando l`invito allo Studio Firmano ad essere presente per le celebrazioni degli 800 anni dell'ateneo, previste nel 2022. Si ricorda che lo Studio Firmano conserva la collezione bibliografica privata del prof. Loris Premuda, storico della medicina di fama internazionale che ha fondato a Padova la cattedra di storia della medicina e lannesso Istituto. Una collaborazione prestigiosa che qualifica ulteriormente l'istituto fermano anche nelle sue prospettive future di ricerca. Il catalogo della biblioteca è già in parte consultabile in rete attraverso il polo bibliografico dell`Università di Macerata.


Presente anche il Rettore dell`Università Politecnica delle Marche, prof. Sauro Longhi, alla Tavola Rotonda di sabato 15 settembre dedicata al tema “Medical Humanities e Storia della Medicina nella formazione medica”, magistralmente condotta dalla dr.ssa Roberta Chersevani, gia` Presidente della FENOMCeO e dell`Ordine dei Medici della Provincia di Gorizia. Il Rettore Longhi, oltre a portare i saluti dell`Ateneo, ha attivamente partecipato alla discussione, sottolineando anche la relazione del tema nei suoi aspetti biomedici con la sua formazione scientifica di ingegnere e lanciando anche proposte di collaborazione e suggerimenti per un possibile tema della prossima Tornata, come l`Intelligenza Artificiale, che tanta attualità di discussione trova nelle sue applicazioni in campo medico. Tema su cui in campo tecnico sta lavorando anche il MITI di Fermo.


Tante le suggestioni scientifiche derivate dagli interventi della Tornata e del Simposio: dalla lectio magistralis del prof. Vivian Nutton da Londra – il più grande tra gli storici della medicina viventi, che ha ripercorso l`evoluzione degli studi storico-medici del Novecento, a quella del prof. Heins Schott da Bonn, che ha concentrato l'attenzione sul futuro della storia della medicina, ribadendo come essa sia alla base per la formazione del metodo critico e per l`articolazione nei dipartimenti universitari di qualunque altro insegnamento delle Medical Humanities e della stessa bioetica, al prof. Fabrizio Bigotti dell`Università di Wurzburg e di Exeter, che ha coinvolto i medici del Simposio in un viaggio affascinante alla scoperta della nascita della medicina moderna.


Giornate di lavoro segnate dal dialogo scientifico e dal fecondo confronto tra studiosi provenienti da diverse nazioni e città europee (Vienna, Mosca, Stoccolma, Londra, Parigi, Bonn, Wurzburg, Granada) ed italiane, in primis dall`ateneo padovano che ha patrocinato l`evento. Giornate in cui i medici hanno positivamente dialogato con gli storici della medicina all`insegna non solo del passato ma anche del presente e del futuro.

Un risultato corale evidente anche nel network istituzionale che ha sostenuto l`iniziativa, come testimoniato dalle rappresentanze degli Enti patrocinanti e collaboratori intervenuti ai saluti: il Sindaco del Comune di Fermo Paolo Calcinaro, il Capo di Gabinetto della Prefettura di Fermo, dr. Francesco Martino, il dr. Nazzareno Di Chiara per la Camera di Commercio di Fermo, la dr.ssa Anna Maria Calcagni, Presidente OMCeO della provincia di Fermo, con cui lo Studio Firmano ha da tempo intrapreso un percorso di valorizzazione della tradizione storico-medica del territorio, il dr. Licio Livini, Direttore Generale dell`Area Vasta 4 – Asur Marche, eil dr. Pierluigi Capone per la Fondazione Carifermo.


Tante le eccellenze mediche del territorio presenti durante le sessioni del congresso: dal prof. Domenico Gabrielli, Presidente ANMCO – il cui consiglio direttivo con cardiologi da tutta la penisola riuniti a Fermo si è tenuto proprio nei giorni del congresso - al prof. Giampiero Macarri, docente dell`Univ. Politecnica delle Marche e primario della Gastroenterologia; poi il primario della Medicina d`Urgenza, prof. Fabrizio Giostra e il primario di Otorinolaringoiatra, prof. Stefano Dallari.

Da segnalare tra gli storici della medicina presenti anche il prof. Herwig Swoboda, otorinolaringoiatra del General Hospital di Vienna, il prof. Walter Grassi, docente ordinario di Reumatologia presso l`Università Politecnica delle Marche, e tutti i relatori del Simposio Medico “Dalla Medicina di Precisione alla visione olistica”, coordinati dal dr. Pietro Scendoni, membro del consiglio direttivo dello Studio Firmano. Un impegno scientifico rilevante ma di soddisfazione per gli esiti ottenuti anche per il Reggente dello Studio Firmano, dr. Andrea Vesprini, laureatosi in medicina a Padova con il prof. Loris Premud,a e per la Vice-Reggente e Responsabile Scientifico dello Studio Firmano, dr.ssa Fabiola Zurlini, che ha coordinato i contenuti scientifici del congresso, curandone il profilo internazionale.

Il futuro dello Studio Firmano si presenta dunque ricco di sfide per la ricerca ed in una prospettiva di costante crescita.

Letture:645
Data pubblicazione : 19/09/2018 15:47
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications