Sanità
Sanità fermana, la Cisl non si ferma e chiama all'appello la politica: "Urge un confronto unitario con le forze di ogni colore"

"La situazione della sanità fermana è a livello di guardia. Come illustrato ampiamente dalla CISL nella conferenza stampa di ieri mattina, i professionisti e gli operatori sanitari dell’Area Vasta 4 sono in mobilitazione perchè i tagli decisi dalla Direzione dell’ASUR e dalla Regione Marche sono ingiusti ed iniqui, ma sopratturro rischiano di abbassare i livelli dell’assistenza. Tutto ricadrà sui cittadini-utenti". Non si ferma l'attività di denuncia della situazione della sanità fermana da parte della Cisl, nella persona del segretario della Funzione Pubblica regionale Giuseppe Donati, che stavolta lancia un appello a tutte le forze politiche del territorio per un confronto unitario sul tema.

Sanità fermana, la Cisl non si ferma e chiama all'appello la politica:

"Decisioni come quelle preannunciate dalla Direzione di Area Vasta di possibili tagli ai turni degli OSS, solo rinviati al momento, l’abbassamento dei minuti di assistenza nei Reparti Chirurgici, Materno-Infantile e di Medicina Multidisciplinare, la riduzione delle prestazioni di diagnostica radiologica già avvenute a Montegranaro e Petritoli e che potrebbero interessare a breve Sant’Elpdio a Mare, il regalo ai Laboratori Analisi Privati che si sono presi alcuni Punti Prelievo pubblici, sono nel complesso un attacco alla dignità professionale di chi lavora a servizio dei malati e rappresentano un vero e proprio affronto alla sanità pubblica del Fermano - attacca Donati -. Ignorare tutto quello che il territorio ha già dato in termini di chiusure di strutture, riconversioni e razionalizzazioni solo per fare ancora cassa in favore di altri territori meno virtuosi ma più forti politicamente è un segnale estremamente pericoloso lanciato alla nostra Provincia. E’ ora quindi di reagire con immediatezza e non lasciarci fuorviare dalle promesse del nuovo ospedale. Tergiversare ancora significherebbe regalare pezzi interi ed importanti di Servizi Sociosanitari ai privati o peggio ancora perdere decine di posti di lavoro e Servizi".


"L’Area Vasta 4, secondo la folle direttiva della Direzione ASUR, dovrebbe tagliare i costi del personale di 1.6 miliioni di euro nel 2019 - continua il segretario regionale della Cisl FP -. Ciò, in termini di teste, significa meno 50 operatori: medici, infermieri, OSS, ostetriche, personale amministrativo e tecnici che
verrebbero meno nella già disastrata organizzazione dell’AV 4.
Come CISL FP Marche chiediamo di stringere un patto forte ed operativo tra amministratori locali di tutte le forze politiche, cittadini e professionisti della sanità. Il tutto con l’apporto primario delle forze sociali. Ma non possiamo attendere oltre. In questi giorni, infatti, in Regione si stanno assumendo decisioni che passeranno sulla testa dei territori e sopratturro sul territorio fermano, che ha già pagato la sua parte per risanare il bilancio regionale.
La CISL FP Marche chiede ai Sindaci e ai Segretari territoriali di ogni forza politica di trovare il modo di attivare da subito un confronto unitario sulla sanità".


"Potrebbe essere il Comune capofila, quindi Fermo - ipotizza Donati - attraverso le sue Commissioni competenti ad organizzare una sorta di tavolo conoscitivo della situazione perché, siamo sicuri, i Sindaci non conoscono tutta la verità. Non conoscono molti dei passaggi che in questi anni hanno fortemente penalizzato il Fermano. Rimaniamo quindi in attesa che si costituisca un ambito di confronto allargato sulla sanità. Ieri, i presenti alla Conferenza stampa, seppur di forze politiche diverse, hanno dato ampia disponibilità. Attendiamo fatti concreti. Ora, nessuno potrà dire di non sapere.

 

"I professionisti dell’AV4 sono stanchi di essere considerati il bancomat dell’ASUR, mentre nelle vicinanze altri territori si sono guardati bene dal fare le operazioni di razionalizzazioni dovute - conclude Donati -. I lavoratori sono pronti a mobilitarsi, soprattutto dal territorio e da quelle strutture a rischio di esternalizzazione. Per la carenza di personale amministrativo anche il regolare pagamento degli stipendi, completi con gli emolumenti della parte variabile, sono a rischio. Gli infermieri che si sono resi disponibili a fare da supporto ai Medici che visitano in Libera Professione all’interno del Murri, ad esempio, non ricevendo da mesi la quota spettante loro, stanno decidendo di revocare la loro disponibilità mettendo quindi gli stessi Medici in forte difficoltà. Non ci sono più certezze nell'Area Vasta 4 e non sempre per responsabilità diretta della Direzione locale. La politica di tutti i colori lascerà ancora che il Fermano paghi per tutti?"

 

Letture:613
Data pubblicazione : 12/12/2018 18:00
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications