Approfondimenti
“Dalla parte giusta”. Nigeriano manda in Ospedale un Carabiniere. Come è possibile?

Giovedì pomeriggio. Quartiere Tirassegno di Fermo. Un uomo di nazionalità nigeriana, regolarmente presente sul territorio nazionale e domiciliato in Viale Trento, stava camminando nel quartiere, visibilmente in preda ai fumi dell'alcool, quando a un certo punto è stato fermato da una pattuglia dei Carabinieri, che gli hanno chiesto spiegazioni del suo comportamento. L'uomo a quel punto ha reagito picchiando uno dei militari. L'appuntato scelto dell'aliquota radiomobile della compagnia di Fermo, in seguito all'aggressione, ha riportato “un trauma distorsivo al ginocchio destro e un trauma contusivo e distorsivo alla caviglia della stessa gamba”. Il militare è stato poi dimesso nella stessa serata di giovedì dal Murri con una prognosi di 15 giorni. Mentre per l'aggressore, con il rito direttissimo, è stato convalidato l'arresto nella giornata di venerdì. Insieme all'avvocato Andrea Agostini, analizziamo quanto accaduto nel nuovo appuntamento della sua rubrica "Dalla parte giusta" su informazione.tv.

“Dalla parte giusta”. Nigeriano manda in Ospedale un Carabiniere. Come è possibile?

Fermo. Quartiere Tirassegno. Un uomo di cittadinanza nigeriana infastidisce residenti e passanti finchè intervengono i carabinieri e uno di questi, aggredito dall’uomo, finisce in ospedale.

Convalidato l’arresto per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate, il criminale attenderà il processo in carcere.

Sembra infatti che questi, disoccupato, non abbia saputo giustificare come faccia a mantenersi e a pagare l’affitto dell’appartamento dove risiede in Viale Trento.

 

 

L’uomo era stato ospite presso il Seminario di Fermo fino a circa 5-6 mesi fa ed era in attesa dell’accettazione della domanda di asilo, rigettata però in primo grado e in appello e per la quale pende ricorso in Cassazione.

 

 

Lungi da me esprimere opinioni sulla reale capacità integrativa, sociale ed economica, di una politica delle porte aperte dove ogni migrante rende al sistema di accoglienza gestito dagli enti locali 35 euro al giorno, ma esistono dati oggettivi dai quali non si può prescindere.

Le Commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale respingono più della metà delle domande.

Tanti quanti sono i dinieghi, altrettanti sono i ricorsi giudiziari.

Infatti se il diniego non viene impugnato, decorsi i termini per ricorrere al giudice scatta per il richiedente l’obbligo di lasciare l’Italia.

 

 

Ricorrere peraltro al ricorrente costa nulla stante il gratuito patrocinio da cui discende il business legale dei professionisti del diritto dell’immigrazione, i cui ricorsi in un terzo dei casi viene accolto da giudici.

La permanenza in Italia è quindi garantita dai tempi lunghi della nostra giustizia dove il primo grado dura mediamente da 12 a 17 mesi, l’appello 10 mesi, si aggiunga infine la Cassazione e il gioco è fatto.

Eppure qualcosa si muove, anzi si è mosso.

 

 

Va riconosciuto il merito al Ministro Minniti di avere preso atto del problema della durata delle procedure giudiziarie e di essersi adoperato per una significativa riduzione dei tempi.

Il Decreto Legge 17 febbraio 2017 n.13, convertito poi con modificazioni in legge 13 aprile 2017 n.46, ha infatti introdotto nel decreto legislativo 28 gennaio 2008, n. 25, l’art.35 bis.

 

 

I procedimenti giudiziari introdotti dal 16 agosto 2017 sono così caratterizzati da un nuovo più snello modello processuale e da tempi ridotti rispetto al passato: 30 giorni per ricorrere contro il diniego, 4 mesi di giudizio, 30 giorni per impugnare, 6 mesi di Cassazione, totale 1 anno e 2 mesi.

Presto per dire se questi tempi verranno rispettati, ma certamente, una considerazione ora è possibile.

 

 

Qualunque sia la durata della procedura giudiziaria, una volta che la commissione territoriale ha negato il riconoscimento della protezione internazionale, il migrante in corso di causa non può assolutamente essere abbandonato a se stesso.

Okoh Matthew, 35 anni, nigeriano richiedente asilo, così insegna.

Letture:3929
Data pubblicazione : 15/07/2018 12:31
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • è appena entrato in fratelli d'italia e inizia a fare politica

    16-07-2018 11:51 - #1
    se questa è la politica stiamo fini.. ogni giorno accadono decine di casi simili in tutta Italia.. anche ben peggiori.. ma quando c'è di mezzo l'uomo nero scatta un fare politica basso..banale..inutile-- mentre luce e gas sono aumentati sostanziosamente.. ma di questo come delle scuole che crollano l'estrema destra non si occupa.. pessimo inizio
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications