Approfondimenti
Colpo di scena sul Bando Periferie. Raggiunta l'intesa in Conferenza unificata, sbloccati i fondi: Fermo riavrà gli 8,6 milioni per Lido Tre Archi

"Accordo trovato tra Governo e Comuni sulle risorse per il bando periferie. É stata raggiunta un'intesa in sede di conferenza unificata che mette in sicurezza il miliardo e 600 milioni a disposizioni dei Comuni per i progetti di riqualificazione delle periferie". Questo il lancio dell'agenzia Dire che riprende le parole del presidente dell'Anci nazionale, Antonio Decaro. "Abbiamo vinto una battaglia – le altre dichiarazioni del sindaco di Bari - una battaglia condotta non soltanto dai sindaci ma da milioni di cittadini, quelli che vivono nelle periferie, ai quali avevamo promesso un'operazione di ricucitura urbanistica e sociale che forse non avevano mai avuto. La compattezza dei sindaci, insieme al sostegno delle Regioni e delle forze parlamentari, hanno avuto ragione del governo".

Colpo di scena sul Bando Periferie. Raggiunta l'intesa in Conferenza unificata, sbloccati i fondi: Fermo riavrà gli 8,6 milioni per Lido Tre Archi

Ma cosa significa in concreto il raggiungimento di quest'accordo? “Oggi – spiega il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro - in sede di Conferenza Unificata è stata ratificata quell'intesa senza la quale il decreto del Presidente del Consiglio di Ministri, che a suo tempo assegnò i fondi per finanziare i secondi 96 progetti del Bando per le Periferie, veniva ritenuto incostituzionale dall'attuale Governo”.

 

Come avevamo chiarito nel giorno dell'approvazione definitiva del Decreto Milleproroghe, infatti, l'esecutivo gialloverde, facendo leva su una sentenza della Corte costituzionale (la 74/2018), riteneva che per essere valido quel decreto, investendo una materia a competenza concorrente (“governo del territorio”), dovesse essere approvato per l'appunto da un'intesa in Conferenza Unificata.

Una linea di pensiero che l'Anci non ha mai condiviso e che anzi aveva contestato fortemente: ora, però, con il raggiungimento dell'intesa cade quel cavillo “formale” cui il Governo si era attaccato per giustificare la sospensione dei fondi, usandolo come motivazione direttamente nel testo della norma del Milleproproghe.

 

Nel corso del pomeriggio, poi, sul sito dell'Associazione nazionale dei comuni italiani è stato pubblicato il testo integrale dell'intesa raggiunta che ha fugato ogni dubbio: il Governo si è impegnato ad inserire nella legge di bilancio “una serie di disposizioni in base alle quali le convenzioni in essere con i 96 enti successivi ai primi 24, beneficiari delle risorse statali per il “piano periferie”, producono nuovamente effetti finanziari dal 2019”.

 

Fermo restando che i primi 24 progetti citati nell'intesa sono i migliori della graduatoria e quelli i cui finanziamenti non erano mai stati messi in discussione, ciò significa che tutti gli altri 96 riceveranno fin da subito le risorse previste: 1,6 miliardi in totale, di cui 8,6 milioni destinati alla riqualificazione di Lido Tre Archi. “Questo significa – spiega Decaro - che, pur con una rimodulazione delle risorse, nessun cantiere si bloccherà, nessuna progettazione si interromperà. Possiamo completare tutti gli interventi".

Superate quindi le aspettative dello stesso sindaco Calcinaro che, forse per non sbilanciarsi troppo dopo aver ricevuto la notizia dell'avvenuta intesa in Conferenza unificata, alla nostra redazione aveva espresso l'auspicio che gli sviluppi di oggi “fossero come minimo il preludio ad una calibratura dei fondi stessi che vada a premiare almeno quei progetti in stato avanzato come il nostro rispetto ad altri che invece sono più indietro".

 

Vero che in questa vicenda i colpi di scena sembrano non voler finire mai, ma a questo punto si può ragionevolmente affermare che il progetto di riqualificazione di Lido Tre Archi potrà davvero diventare realtà: una buona notizia per Fermo, e su questo si erano dette d'accordo sostanzialmente tutte le forze politiche, nonché per il resto del territorio, come testimoniato a più riprese anche dai sindaci dei Comuni vicini, in particolare quello di Porto Sant'Elpidio, Nazareno Franchellucci, e quello di Porto San Giorgio, Nicola Loira.

Letture:1891
Data pubblicazione : 18/10/2018 16:42
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
1 commenti presenti
  • Carlo

    19-10-2018 12:28 - #1
    quindi fermo avrà i suoi fondi, nonostante il decreto fatto male dal governo Renzi, e il voto in senato anche del PD contrario. Bene per Fermo
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications