Approfondimenti
Baratto amministrativo: quell'esempio virtuoso che nasce da un'idea. Il consigliere Paci: "Ho cercato di dargli concretezza per i cittadini fermani più in difficoltà"

"Tutto è partito da un'idea del consigliere Paci", sottolineava in diretta su Rai 2 il Sindaco di Fermo Paolo Calcinaro intervistato dalla giornalista Marzia Roncacci sul valore e sull'importanza del progetto che Fermo, fra i pochi comuni in Italia ha recepito: il baratto amministrativo.

Baratto amministrativo: quell'esempio virtuoso che nasce da un'idea. Il consigliere Paci:

A pochi giorni di distanza dalla ribalta tv ottenuta dalla città, chi torna oggi a parlare di quell'idea e di quell'esempio virtuoso è proprio il consigliere Stefano Paci, dal quale la scintilla è partita.
"Quando ho pensato a questo progetto, che ho voluto fortemente per la città di Fermo, nonostante alcune difficoltà burocratiche incontrate durante la definizione del regolamento comunale, ho cercato di dare concretezza ad un’idea per i cittadini fermani più in difficoltà, cioè fornire uno strumento che potesse in qualche modo aiutarli e anche gratificarli. E così ho trovato all’interno del decreto Sblocca Italia la possibilità di inserire anche a Fermo il baratto amministrativo e cioè il diritto di poter pagare le tasse comunali invece che con il denaro con un servizio di pubblica utilità, sfruttando appieno quello che viene giuridicamente chiamato principio di sussidiarietà.  Ho pensato: ma quanto sarebbe bello che dei cittadini decidessero di fare qualcosa per il proprio Comune magari ottenendo anche un vantaggio economico e soprattutto sociale?!
Il principio che sta alla base di questo strumento è il seguente: se sei una persona in difficoltà, se sei senza lavoro, se sei un lavoratore occasionale, e hai comunque dei debiti da pagare in particolare verso il tuo Comune, ebbene il Comune stesso ti offre l’opportunità di saldarli anche se non hai subito la liquidità sufficiente, ma facendo un lavoretto con spirito di volontariato per un progetto che ti indica il tuo Comune oppure che proponi tu stesso. Alla fine vince in tutto questo la voglia di fare qualcosa e di condividerla con gli altri, di sentirsi utili per la propria comunità, anche se si trattasse di fare piccole cose", spiega Paci.

"Voglio ringraziare - conclude il consigliere - tutti gli amici consiglieri e non che in questi giorni mi hanno rivolto veramente delle belle parole in merito a questo progetto e che mi hanno fatto veramente piacere: cito particolarmente tra gli altri Daniele Iacopini, Nicola Pascucci e Cristian Falzolgher.

Letture:1281
Data pubblicazione : 21/02/2019 12:41
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • Stefano PACI

    25-02-2019 19:20 - #4
    Dunque può sicuramente contattare l ufficio tributi del Comune ; inoltre se va sul sito e digita "baratto amministrativo " si troverà sulla pagina dove ci sono i moduli da compilare . Il valore della prestazione è stata già nel regolamento comunale determinata prendendo a riferimento il costo orario dei voucher . La domanda è gratuita, non ci sono marche da pagare
  • Lucio

    24-02-2019 10:45 - #3
    Mio figlio ahimè non lavora... finché posso je' daco na mano!! Però è interessante sta' cosa...al momento della tari che cosa deve fare? Chi contatterà? X quanti giorni sarà impegnato x estinguere le tre rate tari? Ovviamente a grandi linee....
  • Stefano PACI

    22-02-2019 12:58 - #2
    Mi spiace non è previsto usare il baratto amministrativo per cedere beni al comune , mentre invece è possibile per alcuni servizi che sono quelli previsti espressamente dalla legge. Gli interventi possono riguardare la pulizia, la manutenzione, l'abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano
  • Gianni

    21-02-2019 13:09 - #1
    Ho sempre pagato la tari, non e' che quest'anno posso evitare cedendo al comune due quadretti a punto croce realizzati da mia moglie raffiguranti la citta' di fermo, da appendere nell'atrio del comune, per renderlo piu' familiare? Mi faccia sapere.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications