cultura
Invito a Palazzo. Carifermo e Prefettura aprono le porte all'arte

Sabato 4 ottobre dalle 10.00 alle 19.00 cittadini e turisti potranno visitare a Fermo Palazzo Caffarini-Sassatelli (Corso Cavour, 104) e Palazzo Matteucci (via Don Ricci, 1). L’iniziativa, organizzata dalla Carifermo in collaborazione e d’intesa con la Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo di Fermo, fa parte della XIII edizione di Invito a Palazzo.

Invito a Palazzo. Carifermo e Prefettura aprono le porte all'arte

La manifestazione, promossa dall’ABI (Associazione Bancaria Italiana) sul territorio nazionale e realizzata con le banche che aderiscono al progetto, ha registrato un’attenzione crescente da parte del pubblico: oltre un milione di giovani, turisti e appassionati hanno colto l’opportunità di visitare gratuitamente centinaia di sedi storiche delle banche distribuite su tutto il territorio italiano, innovative architetture contemporanee, mostre temporanee, archivi storici, laboratori didattici, concerti e molto altro.
A Fermo, sarà possibile visitare Palazzo Caffarini-Sassatelli (sede della Prefettura) e Palazzo Matteucci (sede della Cassa di Risparmio di Fermo). Si tratta di un’occasione unica per poter scoprire due tra gli edifici più belli e prestigiosi della città, nonché i resti dell’antico teatro romano ancora visibili nei sotterranei di Palazzo Matteucci. Le visite guidate a cura di Sistema Museo (gratuite) della mattinata saranno riservate (su prenotazione) alle scuole, mentre dalle ore 15 alle ore 19 si terranno delle visite guidate senza prenotazione aperte a tutti gli interessati.
L’edizione 2014 di Invito a Palazzo sarà dedicata al Maestro Salvatore Fornarola (Penne 07/07/1936- Fermo 29/06/2014).
A Palazzo Matteucci saranno infatti esposti due originali pannelli in ceramica frutto della continua ricerca e dell’intensa produzione artistica dell’artista. Le opere fanno parte di una collezione di circa 150 opere in ceramica recentemente donate alla Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo. Con l’adesione ad Invito a Palazzo, la Carifermo, che ringrazia per la disponibilità l’Ufficio Territoriale del Governo di Fermo, invita i visitatori a condividere un patrimonio culturale costituito nel tempo da palazzi storici, collezioni d’arte pittoriche e di arti applicate, testimonianza della vita civile del territorio e che come tante altre banche conserva e valorizza.
Palazzo Caffarini Sassatelli,  progettato  dall’architetto Augustoni di Como  su commissione del marchese Nannarini, nel XIX secolo è passato alla famiglia Monsignani-Sassatelli. Raffinato ed elegante nella sua sobrietà, presenta all’interno un ricercato cortile posto su tre livelli, mentre il piano nobile mostra delle interessanti decorazioni. Restaurato dalla Cassa di Risparmio di Fermo nel periodo 1984/86, è stato sede di rappresentanza dell’Istituto, ospitando eventi culturali di rilievo.
A fianco del Monte di Pietà, nel cuore del centro storico di Fermo, si trova Palazzo Matteucci, già residenza della famiglia fermana di Saporoso Matteucci, celebre condottiero del XVI secolo. Da quasi un secolo è sede centrale della Cassa di Risparmio di Fermo. Il palazzo è costruito sui resti dell’antico teatro romano conservandone all’interno testimonianze, oltre alle decorazioni del XVIII secolo. La facciata, risalente ai primi anni del Novecento, è in laterizio rosso e travertino ed è decorata dal rilievo in bronzo “Il risparmio” dello scultore Ugo Nicolai. Conserva, poi, le collezioni d’arte della Banca e della Fondazione. Accanto al Palazzo svetta la gentilizia Torre Matteucci, opera monumentale in laterizio, testimonianza medievale dell’edificio originario. 

Info www.carifermo.it 0734.2861

Fermo 2 ottobre 2014 Rel. Est.tel. +39.0734.286232 329.5603426

Letture:2215
Data pubblicazione : 03/10/2014 10:22
Scritto da : redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications