cultura
Le Marche, un teatro da diecimila posti. Anche Fermo protagonista della rete lirica regionale

Compie un anno la Rete Lirica delle Marche, sistema regionale a sostegno dei Teatri di Lirica Ordinaria, promosso dall'Assessorato alla Cultura della Regione Marche e realizzato grazie al coordinamento del Consorzio Marche Spettacolo. Traguardo importante e di stimolo per il proseguimento del progetto che vede insieme i Teatri di Ascoli Piceno, Fano e Fermo con il coordinamento produttivo dello Sferisterio di Macerata (Teatro di Tradizione), il supporto del Rossini Opera Festival e della FORM ed il coinvolgimento dei cori di Fano ed Ascoli oltre a quello dell'orchestra sinfonica G. Rossini.

Le Marche, un teatro da diecimila posti. Anche Fermo protagonista della rete lirica regionale

Durante la scorsa stagione teatrale la Rete è stata istituita ed ha subito preso vita con L'elisir d'amore di Donizetti, prima coproduzione di grandissimo successo messa in scena nei teatri di Fano e di Ascoli Piceno.

Ieri, presso la sede della Regione Marche, è stata presentata la Stagione 2015/16. Erano presenti Moreno Pieroni, Assessore alla Cultura Regione Marche, Francesco Trasatti, Vice Sindaco e Assessore alla Cultura Comune di Fermo, Romano Carancini, Sindaco Comune di Macerata e Presidente Arena Sferisterio di Macerata, Guido Castelli, Sindaco Comune di Ascoli Piceno, Massimo Seri, Sindaco Comune di Fano, Stefano Marchegiani, Vice Sindaco e Assessore alla Cultura Comune di Fano, Catia Amati, Presidente Fondazione Teatro della Fortuna di Fano, Gianfranco Mariotti, Sovrintendente Rossini Opera Festival di Pesaro, Luciano Messi, Direttore Organizzativo Associazione Arena Sferisterio, Renato Pasqualetti, Presidente Fondazione Orchestra Regionale delle Marche, Carlo Maria Pesaresi, Presidente Consorzio Marche Spettacolo, Alessio Vlad, Direttore artistico Rete Lirica delle Marche.

Due titoli in programma che andranno in scena nei teatri di Ascoli, Fano e Fermo tra ottobre e marzo. Grande soddisfazione per questo risultato da parte di tutti gli attori del sodalizio. Intanto per il primo dei due titoli, che è "un Rossini" e non un Rossini qualsiasi ma Il barbiere di Siviglia (di cui nel 2016 si festeggia il duecentesimo anniversario), ultimo in ordine di tempo prodotto dal Rossini Opera Festival nel 2014. Un'operazione simbolicamente di sistema che racchiude in sé l'esempio di come la Rete può funzionare. Per la prima volta sei soggetti ministeriali marchigiani, tutti all'interno della Rete Lirica, sono coinvolti nella produzione e circuitazione di un'opera nel territorio regionale: una produzione del Rossini Opera Festival di Pesaro con il coordinamento produttivo dello Sferisterio di Macerata, in buca l'Orchestra Regionale delle Marche FORM, che andrà in scena nei Teatri di Ascoli Piceno, Fano e Fermo.

Fermo, dopo la pausa dovuta al cambio di guida del Comune, torna attore a tutti gli effetti del progetto inaugurando la stagione. Il barbiere infatti sarà allestito al Teatro dell'Aquila dove debutterà il 29 e il 31 ottobre, e il prossimo marzo sarà replicato nei teatri di Fano e di Ascoli. Lo spettacolo viene proposto come "un sogno teatrale" dallo scenografo e regista Francesco Calcagnini, sogno materialmente realizzato e costruito dagli allievi della Scuola di Scenografia dell'Accademia di Belle Arti di Urbino.

Il secondo titolo in programma è, come già comunicato precedentemente, Madama Butterfly di Giacomo Puccini nell'allestimento del Macerata Opera Festival 2009 firmato da Pier Luigi Pizzi che rimonterà lo spettacolo per i palcoscenici dei tre teatri marchigiani. La sfortunata storia d'amore tra Cio-Cio-San e il capitano Pinkerton debutta al Teatro Ventidio Basso di Ascoli il 19 e il 21 novembre e nelle successive settimane al Teatro della Fortuna di Fano, il 26 e 28 novembre, e al Teatro dell'Aquila di Fermo, il 3 e 5 dicembre.

Intanto si è già al lavoro per la programmazione delle attività del 2016 che sarà l'anno dedicato alla formazione del pubblico più giovane, allo studio di un progetto importante regionale in cui si intende coinvolgere i conservatori e le accademie delle Marche.

 

Letture:3339
Data pubblicazione : 14/10/2015 10:43
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications