cultura
Lerner, Benni, Brondi & Zamboni, Maraini, De Cataldo, De Carlo: Fermo vola sui libri

Presentata la seconda edizione della rassegna “Fermo sui libri” ed il calendario ricchissimo che si snoderà tra maggio e giugno

Lerner, Benni, Brondi & Zamboni, Maraini, De Cataldo, De Carlo: Fermo vola sui libri

Per raccontare “Fermo sui Libri” partiamo dalla fine, per l'esattezza da una considerazione del Sindaco Paolo Calcinaro, intervenuto alla conferenza stampa di presentazione nella Biblioteca comunale “Romolo Spezioli”: “Quando Fermo si muove lo fa come punto di riferimento del territorio”. Ed è (anche) in queste parole lo spirito di una manifestazione che, dopo uno stop di un anno, torna tra maggio e giugno con un programma ricchissimo e con ospiti di eccellenza.

 

La genesi di “Fermo sui libri” è datata primavera 2014, quando Francesco Trasatti era ancora Assessore della Giunta guidata da Nella Brambatti e, insieme ad Oriana Salvucci, diede forma e sostanza ad un calendario di alto livello. Poi “un anno di buco”, fino ad arrivare ad oggi e alla soddisfazione di poter sciorinare nomi come quelli di Gad Lerner (5 maggio), Stefano Benni (13 maggio), Vasco Brondi e Massimo Zamboni (20 maggio), Dacia Maraini (26 maggio), Giancarlo De Cataldo (3 giugno) e Andrea De Carlo (16 giugno), che verranno ospitati all'interno della Sala dei Ritratti del Palazzo dei Priori, con inizio alle ore 21.15.

 

“Questo deve essere momento di partecipazione della città all'approfondimento ed alla riflessione – ha spiegato Trasatti – e lo spot che sta circolando in rete rientra in questa logica di far abbracciare i libri a fasce di pubblico diverse. Quindi riprendiamo esattamente da dove c'eravamo interrotti, tornando a coinvolgere il tessuto associativo e scolastico della città. E abbiamo voluto che proprio le scuole fossero protagoniste di questo percorso, compreso il Conservatorio”.

 

“Fermo sui Libri è nata con una profonda coscienza della centralità del libro - ha aggiunto la Salvucci, curatrice della rassegna - intendendo il libro come simbolo, emblema, attivatore di pensiero e sistema di segni, in una circolarità virtuosa tra tutte le forme di espressione. Altra linea guida è l'idea di offrire alla città di Fermo un luogo dove pensarci e dove pensare il mondo. Sul pericolo di un'omologazione del pensiero? L'unico vero pericolo di quest'epoca è il non pensiero ed ecco perchè il nostro file rouge sarà politelìa. Viviamo un'epoca di profonda accelerazione dove sembra un must il dover correre, il dover lavorare, il dover essere produttivi. E chi produttivo non lo è non esiste.”

 

Anche Natalia Tizi della Biblioteca comunale è intervenuta, rimarcando come la stessa struttura stia continuando a perseguire una delle proprie missioni, incentrata sulla promozione della lettura e sull'approfondimento di tematiche di stretta attualità. “Abbiamo investito molto sul rapporto con le scuole superiori e pochi giorni fa c'è stato un incontro con alcuni docenti referenti che abbiamo voluto sensibilizzare, in modo tale da anticipare questi temi a scuola per far sì che poi la presenza dei ragazzi non sia, per così dire, coercitiva ma libera a seguito di un reale approfondimento. E devo dire che abbiamo avuto un'ottima risposta, con una collaborazione particolare da parte del Conservatorio e dell'Istituto Preziotti”.

 

“Non posso che esprimere la mia soddisfazione - ha concluso Calcinaro - per il ritorno di una manifestazione importante, come si evidenzia dai nomi in cartellone ma soprattutto dalla possibilità di interazione dei giovani di Fermo e del Fermano con autori di tale livello, che arrivano anche da altre discipline. E' un segno chiaro dell'azione dell'Assessorato alla Cultura in stretta sinergia con tutta l'Amministrazione, un'azione assolutamente a 360 gradi di inclusione, e non esclusione, nel lavoro di promozione della città”.

Letture:2917
Data pubblicazione : 05/04/2016 15:13
Scritto da : Andrea Braconi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications