cultura
Oltreconceria, un progetto che continua a crescere. Presentate le nuove iniziative

Venerdì iniziativa dell'Ordine degli Architetti, domenica incontro nell'ambito del Freedom Trail, il 4 giugno una grande festa artistica a 360 gradi

Oltreconceria, un progetto che continua a crescere. Presentate le nuove iniziative

Cresce il progetto Oltreconceria. Cresce in termini di attenzione. E cresce come numero di iniziative ad esso interconnesse.

 

Andando per ordine, un nuovo appuntamento è in programma venerdì 13 maggio quando, dalle ore 17.30, ci sarà un convegno su “La situazione normativa e un case history”. Interverranno la Senatrice Camilla Fabbri (firmataria del Disegno di Legge 1836/2015 sulle “Misure per favorire la riconversione e la riqualificazione delle aree industriali dismesse”), Laura Maria Ferraris (Assessore alla Cultura del Comune di Parma), Alessandro Tassi-Carboni (Presidente dell'Ordine degli Architetti di Parma), Gabriella Incerti (Consigliere dell'Ordine degli Architetti di Parma), Paolo Calcinaro (Sindaco di Fermo), Giovanna Paci (Presidente dell'Ordine degli Architetti di Fermo) e Lilia Cannarella (Vice Presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine degli Architetti).

 

Domenica sarà la volta di un incontro - organizzato insieme alla WW2 Escape Lines Memorial Society, all'associazione Casa della Memoria di Servigliano ed al Monte San Martino Trust - inserito all'interno del Freedom Trail, una serie di camminate commemorative lungo i percorsi che i prigionieri di guerra seguirono fuggendo dai campi di detenzione durante il secondo conflitto mondiale. L'appuntamento di domenica 15, a partire dalle ore 14.30, vedrà anche la partecipazione musicale di Lucio Matricardi.

 

Una grandissimo evento caratterizzerà, invece, la giornata del 4 giugno. All'interno di “Turni d'arte”, infatti, saranno inserite performance teatrali, musicali, fotografiche, letterarie e di street art.

 

“Siamo di nuovo qui - ha esordito Francesco Trasatti, Assessore alla Cultura di Fermo, in occasione della conferenza stampa di lancio delle singole iniziative - a condividere un ulteriore percorso della strada intrapresa per la ex conceria. Siamo partiti da un protocollo d'intesa con l'Ordine degli Architetti di Fermo, l'Università Politecnica delle Marche e l'associazione Casa Comune, arrivando ad tutta una serie di associazioni di categoria che si sono unite in questa avventura partecipata. Un'avventura che serve ad accendere un faro, a stimolare una discussione su uno spazio della città che merita una riqualificazione, senza perdere la sua natura storica”.

 

Trasatti, inoltre, ha comunicato come la scadenza della Call to action “Dai un posto alle tue idee” sia stata prorogata al 15 maggio, dando così ulteriore tempo a chi fosse interessato a presentare un proprio progetto.

 

“Le prime due iniziative sono di approfondimento e di riflessione sull'uso di questi spazi. Per quella del 15, ovviamente, il taglio è più storico e ci saranno anche le foto di Alessandro Miola, già ospitate all'Auditorium San Martino per le celebrazioni del 25 aprile. Questo dimostra come da parte dell'Amministrazione comunale si stiano valutando strade differenti a seconda delle storie stesse dei beni abbandonati in questa città. Oltreconceria è un esperimento di consapevolezza, è una sfida che si rinnova mensilmente, con una costante interlocuzione con proprietà e associazionismo. E ci sono tutti i presupposti per poterla affrontare nel migliore dei modi”.

 

“Era necessario fare il punto del percorso fin qui sviluppato e aggiornarci sulle tappe che ci aspettano - ha rimarcato Valentina Recchia, referente del progetto Oltreconceria -. Nei tre incontri fatti abbiamo avuto tanta partecipazione, intellettuale ed emotiva, che continua a coinvolgere sempre più persone. I progetti stanno arrivando, sono di grande importanza e sicuramente aggiungeranno valore a questo territorio offrendo servizi e prodotti a vantaggio di tutti. E' stato un percorso complesso, è una sperimentazione che ci chiede di pensare in maniera diversa da come fatto finora, confrontandoci anche con linguaggi che a volte non ci appartengono”.

 

Non poteva mancare un pizzico d'emozione per la festa del 4 giugno, frutto di un grande lavoro da parte di Marilena Imbrescia, altro fulcro del progetto, e di tante realtà cittadine e non solo. “Ci sarà l'incursione di vari linguaggi artistici - ha spiegato la Recchia - che celebreranno la memoria con uno sguardo verso il futuro. Giulio Vesprini ha già realizzato un murales ed un pezzo di Fermo, condiviso in rete, sta già andando in giro per il mondo. E proprio su Facebook, ieri, sotto la fotografia del murales è apparso un commento di Ian De Souza, figlio di Ken De Souza, che ha sempre seguito la storia di suo padre. Sono parole che arricchiscono di un ulteriore senso quello che stiamo facendo. Credo che ridare valore e respiro a queste storie di solidarietà abbia davvero una grande importanza nel momento in cui l'Europa, la nostra Europa, torna a costruire muri”.

 

“Questo progetto - ha aggiunto Giovanna Paci - è partito da una constatazione: il paradigma è cambiato e il momento della crescita che immaginavamo senza fine, sia economico che edilizio/urbanistico, non c'è più. Oggi è necessario puntare sul recupero di luoghi esistenti. Il tema dominante, infatti, è quello della rigenerazione urbana. Venerdì 13 maggio ascolteremo più voci, come quella della politica e sul modo in cui essa si pone di fronte al tema del riutilizzo di parti di città che rischiano di essere dimenticate. Ci sarà anche la voce del Consiglio nazionale dell'Ordine degli Architetti, che ci ha sempre supportato, con la nostra Vice Presidente che si è sempre impegnata su questi temi. Ci sarà poi il caso di Parma, con le colleghe che ci parleranno del progetto WoPa, dove si è intrapreso un percorso simile al nostro. E' un'apertura verso altre zone d'Italia, dove questi percorsi sono stati intrapresi e funzionano. Di straordinaria importanza è il patrocinio dell'Ordine nazionale, con una visibilità alla nostra iniziativa anche sul sito di riferimento”.

 

La Paci, come tutti i protagonisti di questa iniziativa, ha le idee chiare sul suo sviluppo: “Dipende molto dalla risposta del territorio, con una partecipazione fattiva di tutti gli attori. Finora la risposta è stata positiva, ma cerchiamo di incrementarla. E proprio in virtù di questo, quello di venerdì non sarà un incontro settoriale e specialistico, ma dialogante e di apertura verso tutti, con un linguaggio sicuramente accessibile. Perchè noi architetti siamo una componente attiva della società ed in occasioni come questa cerchiamo di instaurare percorsi che siano proficui”.

 

Dal fotografo Alessandro Miola, oltre che la notizia che per il 4 giugno sulle pareti esterne di un capannone dell'ex conceria ci sarà un suo allestimento molto particolare, è arrivata la conferma che dall'11 al 19 giugno la mostra verrà allestita al Palazzo dei Priori con nuove foto, per poi arrivare a settembre a Servigliano e ad ottobre a Monte Urano.

 

“Ho tradotto il libro di Ken De Souza 'Fuga dalle Marche' - ha concluso Annalisa Nebbia -. L'ho incontrato qui qualche anno fa e mi raccontò che all'epoca, per la sua fuga, doveva essere preso da un'imbarcazione capitanata da mio padre. Mi disse di aver scritto un libro intitolato 'Escape from Ascoli' e di averlo con lui. Gli chiesi di farmelo leggere ed ero sicura che alla fine della storia ci fosse mio padre. Da lì ad una settimana Ken sarebbe ripartito, quindi me lo lessi tutto velocemente. Di questa straordinaria storia, per anni politici locali mi hanno detto che ne sarebbe stato tratto un film; invece, per anni mi hanno preso in giro. E così, a dicembre, verranno gli inglesi a girare un film dentro l'ex campo. Ken è stato sempre riconoscente alla gente di questo luogo e ne parlava con grande commozione, dicendo di non aver mai incontrato persone con un cuore così”.

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE INFO SULLA CALL TO ACTION

Letture:3248
Data pubblicazione : 11/05/2016 14:34
Scritto da : Andrea Braconi
Commenti dei lettori
4 commenti presenti
  • w la senatrice del pd w il pensiero unico!

    12-05-2016 17:59 - #4
    la cultura local-provinciale a ruota di politici del pd e sinistra limitrofa. la sinistra italiana che distrugge il referendum sull'acqua pubblica dandola in pasto ai privati. distrugge gli ultimi residui dei diritti dei neo-schiavi detti lavoratori col jobs act e la bella riforma della scuola. ma ai culturali imprenditori locali fanno gioco i politici di questi partiti. una cultura del pensiero unico neoliberista che sta producendo una società sempre più bieca. ma w i progetti con tanta arte e cultura a servizio degli amici degli amici e del conformismo. complimentoni
  • lucom49

    12-05-2016 11:58 - #3
    cosa verra' fuori nessuno lo sa',ma l'impegno c'e' e va' riconosciuto. si sono mossi tutti , associazion varie ,regione,comune,architetti,proprieta',figli di ex prigionieri, banche, consulenti da altre regioni, microcredito, ecc....Col disfattismo de li maccaru' non si va' da nessuna parte. Io spero,ci credo e dico grazie a chi si impegna
  • Il mercante di dubbi

    12-05-2016 10:35 - #2
    Per GIGGI: per ora credo che ne scaturirà solo qualcosa per una delle organizzatrici, tale Marilena Imbrescia. E' possibile vedere da qualche parte il compenso previsto? Se non è previsto compenso faccio i miei complimenti.
  • giggi

    11-05-2016 18:10 - #1
    Voglio proprio vedere cosa scaturirà dalla somma di queste menti sopraffine, dall'ex conceria, un miracolo? Mio nonno mi diceva sempre "ce vò li maccarù pe rempì la panza" e de maccarù non ne vedo, chiacchiere a palate.
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications