cultura
Il concetto di bene comune secondo lo scrittore De Cataldo

Quarto appuntamento di “Fermo sui libri” stasera alle 21.15 nella Sala dei Ritratti a Palazzo dei Priori

Il concetto di bene comune secondo lo scrittore De Cataldo

“Fermo sui Libri” arriva al suo quarto appuntamento con un ospite cristallino, amante della trasparenza e della giustizia. Venerdì 3 giugno, alle ore 21,15, sarà infatti ospite a Fermo, nella meravigliosa cornice della Sala dei Ritratti a Palazzo dei Priori, il magistrato ed esimio scrittore Giancarlo De Cataldo.

 

Nato a Taranto nel 1956, Giancarlo De Cataldo è stato adottato da Roma nel 1974, quando vi si trasferì per iscriversi alla facoltà di giurisprudenza. Diventato giudice della corte d'Assise di Roma, si è dedicato a sconfiggere con le sue indagini le malefatte che divorano la città eterna. La cosa gli è piaciuta talmente tanto che ha deciso di fare del dovere anche una virtù letteraria, ed è così che dalla sua penna non sono più piovute solo sentenze e inchieste, ma anche straordinari racconti gialli, che brillano di tutta l'originalità, il disincanto e la naturalezza di chi il crimine lo vive nelle sue pieghe più vere e nascoste giorno dopo giorno.

 

Il suo capolavoro, edito nel 2002 da Einaudi, le cui trasposizioni cinematografiche e televisive già non si contano più, è senza dubbio Romanzo Criminale, tutto dedicato alla storia di un gruppo di delinquenti che cerca di imporre nella capitale, tramite sequestri di persona, bombe, droga e prostituzione, un sistema simile a quello della mafia siciliana. Per questa vicenda De Cataldo ha preso spunto e spirito dalla ancor più reale e terribile vicenda della Banda della Magliana, che ha messo in ginocchio Roma negli anni '70 e che fu catturata e condannata con fatica dalla polizia e dalla magistratura romana.

 

Lo spirito amante della civile convivenza e difensore della giustizia, dentro e fuori dalla fiction, che è Giancarlo De Cataldo, parlerà de “Il Bene Comune” al pubblico in cerca di buona cittadinanza di Fermo sui Libri, raccontando la sua personale ricerca di onestà e rettitudine all'interno del mondo del crimine e nella pagina letteraria che ne è specchio e riflessione lucida e spassionata, in un esempio di politēia che pochi altri potrebbero raccontare con tanta grazia e crudezza.

 

L'Assessore alla Cultura del Comune di Fermo, Francesco Trasatti, ha così annunciato l'arrivo di De Cataldo all'interno di Fermo sui Libri: “Ritengo che indagare il concetto di bene comune e di cittadinanza da più punti di vista sia utile e culturalmente arricchente. E’ per questo che siamo lieti del contributo di riflessione sull’argomento che ci verrà da un magistrato e scrittore noto come De Cataldo, che siamo lieti di ospitare in questa rassegna di cui, arrivati alla metà degli appuntamenti, possiamo già tracciare un bilancio molto positivo”.

 

La direttrice artistica della rassegna, Oriana Salvucci, definisce in questo modo lo spirito tagliente e lucente di Giancarlo De Cataldo: “Mala tempora currunt. Mi sembra appropriato iniziare con una sentenza. E' difficile in quest'era storica parlare di bene comune. Cos'è il bene comune? Penso sia il senso di appartenenza ad una comunità, guardare oltre il proprio orto, capire che non sempre l'interesse generale coincide con l'interesse particolare. Trascendere i propri piccoli orizzonti, avere una visione più ampia, riconoscersi in una comunità. Gli Italiani sono capaci di guardare oltre? E' un interrogativo a cui non so dare una risposta”.

 

Il prossimo appuntamento sarà con la scrittrice Lucia Tancredi e la sua ultima opera “L'Otto”, il 10 giugno, alle 21,15, Palazzo dei Priori, Sala dei Ritratti.

Letture:1595
Data pubblicazione : 03/06/2016 09:02
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications