cultura
L'asino, un principe di libertà. Da Fermo ad Ortezzano, la quarta edizione di Somaria

Si comincia oggi pomeriggio da Fermo con un convegno sul TTIP. Da domani trasferimento ad Ortezzano con un cartellone ricchissimo

L'asino, un principe di libertà. Da Fermo ad Ortezzano, la quarta edizione di Somaria

Ortezzano è il punto di riferimento, ma lo sguardo è sempre volto al territorio. E quest'anno addirittura oltre.

 

Lo ha rimarcato Carlo Pagliacci in occasione della presentazione della quarta edizione di Somaria. Accanto a lui il Presidente dell'associazione, Massimo Del Gatto che - ricordando come “tutto sia nato intorno ad un tavolo e come sia importante recuperare il tempo, proprio perchè in questa società ne abbiamo sempre poco” - ha lanciato l'invito a partecipare per cogliere pienamente lo spirito della manifestazione nata ad Ortezzano e che oggi pomeriggio vivrà la sua apertura a Fermo.

 

Un'apertura particolare, caratterizzata da un confronto sul TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership), un trattato tra Unione Europe e Stati Uniti che sta iniziando a dividere istituzioni pubbliche, operatori economici, media ed opinione pubblica. “Non vogliamo prendere una posizione - ha spiegato Pagliacci - ma promuoviamo questo incontro per capire. Il tema di fondo è il problema che potrebbe coinvolgere le produzioni tipiche, le tutele che potrebbero venire a mancare, come ad esempio con l'immissione nei mercati nazionali di carni con standard qualitativi molto più ridotti”.

 

L'appuntamento è per le ore 18 nella Sala Convegni della Camera di Commercio, con gli interventi di Paolo Pastore (Fairtrade Italia), Mirella Gattari (Confederazione Italiana Agricoltura Marche), Monica Di Sisto (Fairwatch), Giorgio Dal Fiume (AltroMercato) e Roberto Ferretti (Laboratorio Piceno Dieta Mediterranea). Parteciperanno anche Graziano Di Battista, Presidente della Camera di Commercio di Fermo, Anna Casini, Assessore all'Agricoltura della Regione Marche, Paolo Calcinaro e Giusy Scendoni, rispettivamente Sindaco di Fermo e di Ortezzano.

 

Un debutto, quello della città capoluogo, che la lega ancora di più alle dinamiche territoriali, come affermato dall'Assessore Albero Scarfini. “Questo modo di ragionare è sicuramente un bene per tutti ed in questo momento abbiamo bisogno di riflettere, insieme, su quello che siamo e su dove vogliamo andare”.

 

Importante anche il sostegno di Coop Alleanza 3.0, per l'occasione rappresentata da Riccardo Sollini. “Ci siamo perché con Somaria e soprattutto con questo convegno si toccano temi a noi vicini. Parliamo della tutela del lavoro, della qualità dei prodotti e del mantenimento delle tradizioni, argomenti centrali su quali è importante confrontarsi, cercando di comprendere opportunità e rischi di scelte che condizioneranno il nostro futuro”.

 

Da venerdì, trasferimento in Contrada Cisterna ad Ortezzano per vivere tutte le iniziative programmate fino a domenica 17 luglio.

 

“L'aspetto più rilevante di Somaria - ha affermato la Scendoni - è spirito che la anima e che l'ha fatta nascere: recuperare il giusto tempo della vita, che si basa su valori della nostra civiltà contadina e soprattutto su valori quali la solidarietà ed il reciproco aiuto. Con pochissime risorse organizziamo un festival così ricco di appuntamenti, che diventa anche il momento giusto per fermarci a riflettere sul possibile recupero di modelli di sviluppo più sostenibili”.

 

Da Stefano Pompozzi, nella duplice veste di Consigliere della Provincia di Fermo e Presidente di Marca Fermana, è arrivato l'invito a partecipare all'incontro di domenica pomeriggio sul tema della corretta gestione dei corsi d'acqua nella Valdaso. “Sarà l'occasione per far capire a qualche amministratore perchè il fiume Aso riceverà fondi anche attraverso i contratti di fiume, un passaggio cruciale per una delle aste fluviali più importanti del nostro territorio”.

 

“Somaria è anche tutela del territorio - ha aggiunto Pagliacci - e affrontare il tema dell'Aso significherà vedere con numerosi esperti quali sono le possibilità di intervento per il fiume, oltre che comprenderne la memoria. Su questo punto aggiungo che proietteremo un video, nel quale abbiamo ripercorso quello che era il fiume nei decenni passati e come si viveva lungo il suo corso”.

 

Singolare l'iniziativa di sabato, programmata per le ore 19: una partita di calcio camminato, organizzata in collaborazione con la Uisp Fermo. “Si tratta di un'esperienza nuova sul territorio - ha rimarcato Umberto Cingolani - una partita di calcetto dove non si può assolutamente correre e dove se corri c'è addirittura una punizione di seconda. È un elogio alla lentezza, che vedrà partecipare anche due squadre di amministratori locali”.

 

Non mancherà di suscitare grande curiosità l'appuntamento di domenica mattina con lo stone balancing, con costruzioni in pietra che verranno poste in equilibrio da esperti di una disciplina molto suggestiva ed in forte ascesa.

 

Come non potrà passare inosservato il cappello del Grande Ammi-raglio, ideato e realizzato da Carlo Forti, che per l'occasione verrà indossato da Paolo Restuccia. Non un cappello qualsiasi, è stato spiegato, ma un prodotto particolare che ogni anno dovrà trovare un nuovo Ammi-raglio.

 

Novità di quest'anno è anche la collaborazione con la community Instagramers Fermo, che ha lanciato il contest fotografico #igers4somaria per invitare il pubblico a raccontare attraverso le immagini questa quarta edizione di Somaria.

programma

 

IN CASO DI PIOGGIA

 

C’è il fondato motivo, purtroppo, che proprio venerdì possa esservi un peggioramento climatico con previsione di pioggia! Se così fosse confermiamo gli appuntamenti in programma ma con inevitabile cambio di sede e, quindi, la prevista

 

Sala Savini (Piazza Umberto I):

Tavola rotonda “L’asino, un animale dalle mille risorse”

 

Auditorium Sant’Antonio da Padova:

“Il Grande Ammi-Raglio d'Italia” con Paolo Restuccia

“D'Asini e Fiabe” con Oberdan Cesanelli e Daniele Cococcioni

 

Verrà rinviato a data da destinarsi:

“Ali nella notte” con Stefano Properzi, Meri Napoleoni e Carla Chiaramoni

 

 

 

 

 

 

Letture:1934
Data pubblicazione : 14/07/2016 12:11
Scritto da : Andrea Braconi
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications