cultura
FAI Fermo. Presentata la nuova Delegazione Provinciale guidata da Rossella Falzetta. “Bellezza, arte, storia e conoscenza alla portata di tutti”

Presentato questa mattina in Provincia il nuovo direttivo del FAI, Delegazione di Fermo, con alla guida Rossella Falzetta, la cui nomina è stata formalizzata lo scorso 3 maggio.

FAI Fermo. Presentata la nuova Delegazione Provinciale guidata da Rossella Falzetta. “Bellezza, arte, storia e conoscenza alla portata di tutti”

A completare la Delegazione, insieme alla Falzetta, ci sono Valentina Berdozzi per la comunicazione, la Segretaria Beatrice Cassetta, il Delegato Scuole primarie e secondarie Matilde Coccia, il Delegato Giovani Nicola Fenni, il Delegato Scuola per le secondarie e l’Università Paolo Giunta La Spada, il Delegato Cultura Adolfo Leoni, la Tesoriera e Delegato Raccolta Fondi Miretta Orfei e il Delegato Ambiente e Paesaggio Giovanna Paci.

“Come Provincia di Fermo – ha spiegato Stefano Pompozzi – abbiamo l’onore e il piacere di avere ospiti la rappresentanza della nuova delegazione del FAI Provinciale e territoriale di Fermo e a loro faccio tutti gli in bocca al lupo del caso, rinnovando la nostra disponibilità, per quanto possibile, nella condivisione degli intenti. L’importanza e la valenza del FAI sul territorio nazionale e locale è qualcosa di ormai evidente e appurato. Voglio sottolineare il loro lavoro di sensibilizzazione, tutela, divulgazione e conoscenza di tutto quello che è il nostro panorama artistico, storico e culturale perché il FAI è una fondazione che ha una sua forza e una sua strutturazione.”

La parola poi a Falzetta che ha sottolineato la valenza della Fondazione che rappresenta: “Il FAI è una rete territoriale che costruisce eventi e si fa carico di una proposta con un livello qualitativo di eccellenza e soprattutto con gusti ed esigenze il più possibile trasversali. Infatti è proprio questo uno dei nostri principali obiettivi: allargarci sul territorio e coordinarci per raggiungere ogni angolo della Provincia. Una Provincia ricchissima di risorse culturali, di idee e di paesaggi.”

“La delegazione – ha continuato – è una proiezione provinciale di quelli che sono gli obiettivi nazionali e soprattutto la sua composizione non risponde solo a esigenze di carattere professionale ma ha anche una connotazione geografica che sia in grado di coprire tutte le aree e avere un referente in ogni ambito.”

Ma il FAI non è solo valorizzazioni di beni ma anche di risorse umane. “Con il progetto degli apprendisti Ciceroni – ha spiegato la Falzetta – continuano a valorizzare il patrimonio culturale soprattutto nelle scuole. Proponiamo eventi specifici per un target specifico che in questo caso sono i ragazzi: il nostro intento è quello di renderli competenti da un punto di vista professionale e umano.”

“Ringrazio infine per la sempre stretta collaborazione con le istituzioni locali. Il FAI deve essere considerato alla portata di tutti e vorremmo che chiunque si mettesse in contatto con noi attraverso gli incontri” ha concluso la Falzetta.

Paolo Giunta La Spada ha sottolineato quanto “l’arte, la cultura, la storia e la conoscenza del nostro territorio siano valori imprescindibili. Da quando cinque anni fa sono tornato qui, dopo un lungo periodo di lavoro all’estero, mi sono occupato anche del FAI e sono onoratissimo di questo nuovo impegno e di poter dare il mio contributo visto il mio legame al territorio.”

“Ho conosciuto il FAI attraverso la storia – le parole di Matilde Coccia - e ho toccato con mano quanto bene possa fare questo lavoro ai giovani che scoprono, si appassionano e vengono a conoscenza delle bellezze del nostro territorio. Si parla tanto di competenze a scuola e ciò che i ragazzi acquisiscono con il FAI lo possono poi utilizzare anche nella vita.”

Miretta Orfei, che si occupa della raccolta fonti, ha evidenziato quanto “sia importante sensibilizzare le persone e far capire quanta ricchezza abbiamo e quanto questa bellezza abbia però bisogno di supporto affinché duri nel tempo.”

Adolfo Leoni ha poi parlato dell’importanza della bellezza del nostro territorio, “una carta sulla quale puntare”. “Sono quattro le parole sulle quali dobbiamo focalizzarci: genius loci, conoscenza, bellezza e turismo. Con l’esperienza del FAI a Montefortino abbiamo fatto parlare i luoghi, questo è il genius loci. Molti non conoscono i nostri luoghi, i nostri artisti, i nostri palazzi, c’è bisogno di conoscenza perché se non conosciamo la nostra storia dove possiamo andare? Mi rifaccio poi ad Aristotele per quanto riguarda la bellezza che è propria della persona umana e infine il turismo che volenti o nolenti viene fuori attraverso esperienze ed emozioni di questo tipo.”

Nicola Fenni ha espresso il “piacere di far parte di questo gruppo. Con il Gruppo Giovani stiamo cercando di programmare delle iniziative rivolte a un pubblico giovanile e universitario, che renderemo note nei prossimi mesi.”

Ricco il calendario di eventi del FAI. Martedì 12 giugno ci sarà il primo incontro con i volontari attivi a Lido di Fermo presso l’Hotel Royal alle ore 21:00. Sabato 16 si proseguirà con una visita guidata nel Restauro del Santuario dell’Ambro a Montefortino. Il 22 giugno, alle ore 21:15, appuntamento con la conferenza di architettura “Trasformare per conservare” presso la Sala Castellani a Porto San Giorgio. Infine domenica 1 luglio la visita guidata con cena all’aperto per una “Conviviale a Belmonte Piceno”.

A seguire tutti gli eventi del FAI verranno resi noti anche attraverso la pagina Facebook.

Letture:636
Data pubblicazione : 13/06/2018 15:03
Scritto da : Alessandra Bastarè
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications