cultura
Aule interdette, CdA impossibilitato ad agire e organo bloccato, ma il Conservatorio Pergolesi c’è. Presentato il nuovo Anno Accademico

Presentato questa mattina in conferenza stampa il nuovo Anno Accademico del Conservatorio Pergolesi di Fermo, con tutte le sue attività e i suoi progetti. Conservatorio che, attraverso le parole del Presidente Carlo Verducci e del Direttore Nicola Verzina, non ha negato il periodo difficile che sta vivendo.

Aule interdette, CdA impossibilitato ad agire e organo bloccato, ma il Conservatorio Pergolesi c’è. Presentato il nuovo Anno Accademico

“Il 2 novembre parte l’anno accademico 2018/2019 del Conservatorio Pergolesi di Fermo – ha annunciato il Presidente Carlo Verducci – e colgo l’occasione per ringraziare docenti e personale amministrativo che hanno lasciato Fermo per riavvicinarsi ai loro luoghi di origine per il lavoro svolto in questi anni.”

“Evidenzio – ha proseguito Verducci – il trend positivo delle domande di ammissione (262, ammesse 230) tra pre-accademiche, corsi biennali e corsi triennali. Il Conservatorio si sta muovendo verso una crescita positiva grazie alla sua attrattività che esercita non solo in Italia ma anche all’estero, le 30 presenze cinesi sono una testimonianza. Al di là dei numeri credo che conti in primis la qualità del lavoro e della didattica, della ricerca e della produzione che ogni anno offriamo ai nostri iscritti.”

“Ci sono diversi progetti in corso, di grande valore culturale, oltre alle varie collaborazioni con moltissime realtà del territorio. Ringrazio per questo il Direttore Verzina, il Consiglio Accademico e i vari dipartimenti, che permettono al Pergolesi di uscire sempre più dai limiti del Fermano, che rimane ovviamente la nostra base essenziale” ha concluso Verducci parlando dell’avvio dell’Anno Accademico.

 

Il Direttore ha poi affrontato alcune questioni spinose che, “non impediscono al Conservatorio di lavorare e di portare avanti la propria progettualità, ma creano dei problemi”.

“Dal 24 agosto 2016 c’è uno straordinario organo inutilizzato nella Chiesa del Carmine, edificio che non riesce a riaprire nonostante il finanziamento di un milione di euro per il restauro assegnato nel 2017, e questo ci pesa moltissimo. Un organo creato per quel sito e per il quale, nonostante abbiamo trovato altri spazi per poterlo sistemare, ad esempio la Chiesa di Santa Petronilla, non sono in grado di accoglierlo” ha spiegato Verducci.

“Da luglio inoltre – ha proseguito il Presidente – il Consiglio di Amministrazione non si può riunire. Sono infatti decaduti tre dei cinque componenti e, nonostante a luglio abbiamo comunicato i nomi al Ministero e abbiamo inviato moltissime sollecitazioni, non abbiamo avuto alcun riscontro.” In poche parole il Conservatorio è impossibilitato ad operare e prendere decisioni di qualsiasi natura, didattica o amministrativa.

“Ultimo aspetto di difficoltà – ha proseguito Verducci – dallo scorso giugno abbiamo sette aule interdette a seguito dell’ordinanza del Sindaco che faceva seguito a una richiesta dell’ufficio tecnico dell’Amministrazione Provinciale. Il Direttore Verzina si è impegnato in ogni modo per far partire tutte le lezioni e portare avanti la didattica ma si può ben comprendere che avere sette aule in meno crea non poche difficoltà, perché compito del Conservatorio è quello di dare spazi agli studenti non solo per le lezioni, ma anche per lo studio, le esercitazioni e tutto ciò che gravita intorno alla didattica.”

“Facciamo un appello pressante alla Provincia e al Comune, quest’ultimo ci ha messo a disposizione il Buc e per questo lo ringrazio, affinché nel corso di quest’anno si possano superare queste difficoltà e il Conservatorio possa esprimere tutte le sue potenzialità, in modo da offrire ai ragazzi e alle loro famiglie le risposte più adeguate possibili e rappresentare in modo completo la ricchezza del nostro territorio.

 

“In quanto responsabile dell’attività didattica – ha spiegato Nicola Verzina, Direttore del Conservatorio – sono d’accordo con tutte le difficoltà evidenziate dal Presidente in quanto io stesso ho l’onere di organizzarle. Sono tanti i progetti, oltre a quelli ordinari, e necessitiamo quindi di spazi.”

Molto ricco il programma del nuovo Anno Accademico del Conservatorio Pergolesi di Fermo. “Il 2 dicembre si terrà il Concerto Lirico Sinfonico, il primo febbraio 2019 il Concerto Inaugurale, il 13 aprile 2019 il Concerto della Settimana Santa e il 28 aprile 2019 il Concerto dei Solisti. In progetto anche “La Cambiale di matrimonio” di Rossini che si dovrebbe svolgere in primavera” e il Master di secondo livello d’interpretazione della musica del Novecento, unico nel suo genere” ha spiegato Verzina.

 

Moltissime, come ogni anno, le proposte del Dipartimento di strumenti a fiato e del Dipartimento di strumenti a corde. Insieme al Dipartimento vocale si terranno attività sulla psicologia della respirazione, sul repertorio vocale cameristico e teatrale spagnolo e sulla foniatria artistica. Per il Dipartimento di Nuove Tecnologie il Conservatorio propone il Seminario sulla Musica Popolare, il Laboratorio-concerto di musica elettronica e il Progetto Big Band. E ancora le proposte del Dipartimento di Musica d’insieme, del Dipartimento di Teoria e Analisi, del Dipartimento Tastiere e infine i Progetti Artistici (Musica del Novecento, Stage internazionale di Sassofono, Voci della Memoria e molto altro).

 

Stefano Pompozzi, vice Presidente della provincia di Fermo ha portato i saluti dell’Amministrazione che rappresenta e della Presidente Canigola a una “bella realtà come quella del Conservatorio.”

“Da due anni a questa parte – ha continuato Pompozzi – cerchiamo di eliminare la mancanza di un Liceo Musicale e di corsi musicali nelle scuole di secondo grado nella provincia: mi sembra impossibile che non si riesca ad attaccare una realtà in più a questa straordinaria filiera. Con al nostro fianco l’organo Regionale, speriamo di portare a casa una progettualità perché, numeri alla mano, salta all’occhio la crescita costante di questa realtà e la sua apertura non sono extranazionale ma internazionale.”

“Per quanto riguarda le aule impedite all’utilizzo a seguito dei controlli fatti su tetti e sottotetti, qualche giorno fa, come sapete, sono stati formalizzati i finanziamenti per sanare i problemi. Cercheremo prima possibile di sederci a un tavolo e far fronte a queste difficoltà, cercando di intervenire, se possibile, anche durante l’Anno Accademico. Siamo ottimisti nel fatto di riuscire, nel breve e medio periodo al massimo, a far sì che il Conservatorio possa disporre nuovamente delle sue aule” ha concluso Pompozzi.

 

“Come sapete il lavoro tra Comune e Conservatorio e ormai consolidato – le parole del vice Sindaco e Assessore alla Cultura Francesco Trasatti -: tre dei quattro concerti istituzionale si tengono al Teatro dell’Aquila e questa ne è la dimostrazione. Testimone di questa collaborazione anche l’entrata del Pergolesi nella Rete Lirica delle Marche e il riconoscimento arrivato dell’UNESCO.”

“Noi, per ciò che è nelle nostre possibilità, abbiamo cercato in ogni modo di sopperire alle mancanze e alle difficoltà del Conservatorio: mettendo a disposizione, ogni mattina, i locali del BUC ad esempio, ma la situazione è ovviamente difficile per tutti” – ha commentato Trasatti.

“Il nostro impegno, anche tramite le sollecitazioni alla Curia, proprietaria dell’organo, è massimo, come è massimo quello della Provincia che oggi ringrazio per gli sforzi che porta avanti. Stiamo già lavorando per cercare un secondo spazio da destinare alle attività del Conservatorio e il nostro appoggio sarà sempre continuo, in nome della vocazione culturale della Città” ha concluso Trasatti.

Letture:448
Data pubblicazione : 25/10/2018 15:21
Scritto da : Alessandra Bastarè
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications