Il punto di Antonio
I magici mercatini e l’avvicinamento al Natale

Compie un anno la rubrica di Antonio Pallotti che, ogni settimana, accompagna la homepage di Informazione.tv con storie, interviste, approfondimenti e riflessioni. Ormai siamo arrivati alla vigilia di Natale, quindi come non parlare di mercatini e della magia di questo mese speciale. 

I magici mercatini e l’avvicinamento al Natale

Da osservatore ho sempre ammirato il periodo prenatalizio: il primo anno di università fu un lungo tunnel che iniziava il primo giorno di lezione e terminava col prendere coscienza che era già natale. Ci feci caso una sera che, tornando a casa dopo i corsi, uscendo dalla metro presi atto di tutte le lucerne appese. Rimasi abbastanza stupefatto e anche deluso perché quei mesi erano volati al punto che nemmeno mi rendevo conto dello scorrere del tempo per quanto ero preso dallo studio.

 

L’8 dicembre, il giorno dell’Immacolata, è il giorno più comune per allestire l’albero natalizio: dalla soffitta, dallo sgabuzzino, dal garage tiriamo fuori quel cespuglio rivestito di plastica, ci azzardiamo a tirare fuori anche il presepio. Quando ero adolescente non prestavo molta attenzione a questi rituali annuali, vedevo mia madre che con pazienza in mezza giornata preparava l’albero e con un’altra mezza il presepio. Solo negli anni dell’università, per mancanza, ho capito quanto invece quel ricordo fosse importante. Un anno chiesi addirittura di farmi preparare un piccolo presepio da appoggiare sopra l’armadio (la stanza di un fuori sede non è molto capiente nelle grandi città) e mi procurai in un negozio cinese le luci da appendere intorno. Quel casottino dava sembianze della casa familiare pure se a chilometri di distanza.

 

Pieno di questi ricordi una domenica pomeriggio con amici ci siamo messi in strada molto presto per fare un giro tra i mercatini natalizi: in questo periodo dell’anno la parola regalo può suscitare ansia e stress. E’ lampante come ogni mercatino natalizio rispecchi un ambiente, un quartiere, la gente che lo abita e il senso comune.

 

Prendiamo per esempio un quartiere popolare, in cui abitano sia cittadini italiani che cittadini stranieri, dove l’età varia molto dai giovani fino agli anziani, dove si mescolano universitari e lavoratori, si passa dalle trattorie ai ristornati etnici, dall’edicola al benzinaio in pochi metri, dal caffè al centro estetico, dal garage sottoterra a pagamento al campo di basket, dalla tangenziale ai reperti dell’età romana, dalla ex stazione commerciale al filobus.

 

Ecco in un posto simile, così variegato, così multiforme anche un mercatino natalizio ne assume le sembianze. L’essere umano traspone le proprie caratteristiche nei posti che abita, nelle letture che fa, nei regali che vorrebbe ricevere o che compra. In un mercatino simile si trovano tutti gli oggetti, già utilizzati, che possono esser comodi e di valore per qualcun altro.

 

Senza dilungare troppo l’elenco si possono trovare vecchi cellulari di inizio 2000, libri stampati nel 1950, occhiali vintage, orecchini e anelli, giocattoli che vanno dagli anni ’80 ad oggi, giocattoli in legno, abiti, vecchie fotografie di esposizione, cravatte bizzarre anni ’90, accendini particolari e così via.

 

Spostandoci verso il secondo mercatino, in un quartiere più curato, si nota subito la forte differenza: guardaroba all’ingresso, tappeto rosso con candele, camerieri e hostess in cravatta, lampadari decorati, tende che scendono giù come cascate e soprattutto la presenza del condizionamento termico a differenza del primo mercatino. Gli oggetti, pure se simili a quelli del primo mercatino, ora diventano più costosi. Anche gli acquirenti sono tutti vestiti con più attenzione e arrivano addirittura con acconciatura. I locali sono tappezzati di enormi specchi dove potersi riflettere durante la prova. Per regali come babbo natale o decorazioni puramente natalizie resta poco spazio, giusto un sotto scala. E’ davvero questo quello ci scambiano a Natale?

 

Ultima tappa, senza perdere speranza, è un mercatino del pieno centro, molto frequentato da turisti e i residenti sembrano quasi ospiti della zona. Sciarpe, statuine in legno scolpite e dipinte a mano, lampade dai filamenti con le geometrie più astruse affisse su legno antico, i soliti orecchini ed anelli, berretti, cappotti più accessibili. Girandomi intorno noto che gli acquirenti sono solamente giovani che per poca disposizione economica provano oggetti senza acquistarli. Quante volte è capitato di provare indumenti senza comprarli?

 

In questo tour fra mercatini natalizi, insieme ad amici, ho notato come si tenda ad usare largamente termini svuotandone il significato: di questi mercatini natalizi tutto c’era meno che il natale. Il natale inteso sia familiarmente che religiosamente richiede un ritrovo, una riflessione. Durante il periodo natalizio gli studenti fuori sede tornano finalmente a casa, chi può prepara presepio e albero insieme alla famiglia perché in quel gesto di fare qualcosa insieme, si crea il ricordo che rimarrà poi negli anni. A chi non piace sentire il suon del carillon in un presepio? Mentre la pubblicità ci invita a prendere questo o quel panettone a noi piace mangiarli insieme, magari dopo una cena di classe o fra parenti. Ricordo i natali sommersi dalla neve in cui ero ansioso di buttarmi fra le colline innevate e volar via con lo slittino.

 

Nei mercatini non ho visto nemmeno una neve sintetica, nemmeno un muschio finto. I 3 mercatini natalizi erano semplicemente 3 mercatini durante il periodo prenatalizio ma senza evocare nessuna delle immagini appena elencate.

 

Dove sono esposte le tombole che per anni ci hanno accompagnato sul tavolo di casa? Dove sono i canti di natale che ormai ascoltiamo solo registrati in televisione o emessi dagli amplificatori del centro commerciale? Dove sono i personaggi del presepio che ormai vediamo solo esposti e fatti da qualcun altro? Dove sono i babbi natale? Tutte queste figure ormai non servono più ad evocare lo spirito natalizio ma a vendere durante il periodo natalizio. Basta prendere una qualsiasi pubblicità telefonica e si vede il babbino o la babbina fare una promozione.

 

Come ogni anno, chi con piacere, chi meno, ci dobbiamo confrontare col Natale perché è un indice di come stiamo. Ci fa piacere vivere un natale dentro una famiglia divisa? Perché non ci sforziamo a ricucire i rapporti? Il natale si riduce solo ad abbuffate in sequenza?

 

Il natale sono solo divano, centro commerciale e cinema? Il natale sono solo vacanze e compiti da fare? Cambiando punto di vista: chi non si può permettere un natale simile? Chi non ha famiglia? Chi è completamente solo? Invitiamolo ad esser parte della nostra famiglia. Chi è in ospedale? Andiamo a trovarlo. Chi è un senza tetto? Invitiamolo ad un pasto.

 

Chi ha appena perso un caro? Cerchiamo di esser presenti nella sua vita. Chi ha subito un licenziamento? Cerchiamo la persona che trascuriamo, proviamo con una chiamata, con un messaggio più attento: il natale ci offre questo o almeno il periodo prenatalizio ci da il tempo di riflettere su questo prima che sia tardi e arrivi il natale del prossimo anno.

 

E’ fondamentale voler bene ora, perdonare ora e non fra un anno. E’ fondamentale esser solidali ora, caritatevoli ora, cercare ora e non rimandare ad un ipotetico futuro che non coglieremo mai. 

Letture:2969
Data pubblicazione : 19/12/2017 16:47
Scritto da : Antonio Pallotti
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications