In evidenza
Terremoto. Solidarietà nazionale per lo storico bar Zocchi di Montemonaco: sabato 24 l'inaugurazione

Il terremoto ha lasciato ferite molto profonde a Montemonaco, come negli altri paesi dei Sibillini. Così ogni qualvolta avviene la riapertura di un’attività commerciale è un’occasione speciale per l’intera comunità, perché simboleggia rinascita e speranza. Sabato 24 novembre, a partire dalle ore 11, sarà festa grande a Montemonaco per l’inaugurazione della nuova location del bar ristorante Zocchi, storica attività ricettiva dell’area montana che vanta mezzo secolo di storia. Per l’occasione saranno presenti a Montemonaco anche cinquantina fedeli di Casapulla (Caserta), la cui parrocchia ha contribuito economicamente alla ripartenza del bar Zocchi. Un giorno speciale atteso da due anni. Un segnale preciso: “Non ci siamo arresi, la gente di montagna non si arrende mai”, è il pensiero comune a Montemonaco.

Terremoto. Solidarietà nazionale per lo storico bar Zocchi di Montemonaco: sabato 24 l'inaugurazione

Una storia particolare quella del bar Zocchi, inaugurato nel 1969 da Antonio Zocchi e oggi gestito dal figlio Massimo e dalla nuora Rita. “Il terremoto del 2016 aveva reso la nostra struttura inagibile – raccontano Massimo e Rita –. Per alcuni mesi abbiamo trasferito la nostra attività su un container di 30 mq, ma non poteva essere quella la soluzione al problema. In sostanza, per quasi un anno e mezzo siamo rimasti fermi. Vi lasciamo immaginare i gravissimi disagi che abbiamo affrontato. Era il 30 ottobre 2016, giorno della Sagra della Castagna qui a Montemonaco, quando il mondo ci è cascato addosso. E dopo due anni, sempre in occasione della stessa festa paesana, abbiamo riaperto sfruttando la legge 9 che ci ha consentito di avere una nuova struttura in legno a pochi metri dai nostri locali danneggiati dal sisma. Ora siamo in una bellissima struttura di 105 mq con sala, cucina, magazzino e due bagni. Siamo molto felici, ringraziamo tutte le persone che ci hanno aiutato. Di cuore: grazie a tutti!”.

Il bar Zocchi da sempre è sinonimo di qualità e cortesia. I salumi e i formaggi di Zocchi richiamano buongustai e turisti da ogni angolo del centro Italia. L’inaugurazione di sabato 24 novembre è la più importante, per caratteristiche dell’attività e metratura degli spazi, di Montemonaco.

“A Montemonaco centro storico, dai 500 abitanti che eravamo ne siamo rimasti meno di 250 – aggiungono Massimo e Rita –. Ma vogliamo ripartire lo stesso con tanta fiducia. Abbiamo ricevuto l’affetto dei paesani e dei nostri clienti storici sparsi un po’ in tutte le Marche, da Senigallia come da Civitanova Marche. La nuova struttura, in legno con basamento in cemento, è stata realizzata dalla Rubner House di Bolzano: in 12 giorni è stata costruita una vera opera d’arte. Professionisti impeccabili, al pari delle ditte locali che hanno completato l’opera: Pietro Lupi, Fabio Capanna, Giuliano Zocchi, Emilio Salvucci. Il costo complessivo ammonta a 200mila euro. Per metà copre la Regione. Al resto hanno pensato alcuni amici, la parrocchia di Casapulla, il parroco di Casapulla, don Andrea Monaco, e un mutuo che abbiamo contratto con una banca convenzionata. Insomma, una grande gara di solidarietà. Alcuni amici che ci hanno aiutato in maniera importante preferiscono rimanere nell’anonimato: che Dio li benedica, hanno ridato fiducia e speranza alla nostra famiglia, ma anche all’intera comunità perché il nostro bar è da sempre luogo di aggregazione per giovani, famiglie e anziani”.

Ci si chiede: come mai è stata coinvolta la parrocchia di Casapulla, in provincia di Caserta? Spiegano Massimo e Rita: “Tutto è nato dall’iniziativa di un vigile del fuoco di Casapulla che, nei giorni successivi al terremoto, ha prestato servizio proprio qui a Montemonaco. E’ partita l’iniziativa “Adottiamo un’attività”, e dietro suo suggerimento la parrocchia di S. Elpidio Vescovo di Casapulla ha adottato il bar Zocchi. Hanno raccolto 13mila euro, a questa somma si è aggiunta la donazione personale del parroco di Casapulla, don Andrea Monaco. Che bello ricevere così tanta attenzione da un paese così lontano. Sabato 24 novembre da Casapulla partirà un pullman con 50 parrocchiani con destinazione Montemonaco: un grande gesto di solidarietà e di vicinanza, faremo festa insieme. E’ proprio vero: nei momenti del bisogno, ci sono persone che sanno aiutare, comprendere, aprire il cuore. Il terremoto ci ha dato conferma su un fatto: la solidarietà è nel dna degli italiani. Commossi, ringraziamo tutte le persone che hanno permesso al bar Zocchi di non spegnere la fiammella della speranza”.

 

Bar_Zocchi_famiglia

Letture:2003
Data pubblicazione : 22/11/2018 11:51
Scritto da : Redazione
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications