Sport
P.S. Giorgio, Calcio a 5: Futsal Cobà fermata in casa dal Fano. Difesa ospite arcigna: 0 a 0 il finale e primo posto probabilmente sfumato. U19 alla fase nazionale

“Credete nelle vostre capacità ed avrete realizzato gli uomini di valore che siete”, era stato il motto pre-gara del Presidente Staffolani. Non riesce però l’undicesima vittoria consecutiva agli Sharks di mister Campifioriti, che, nonostante l’impegno, vengono fermati sullo 0-0 al PalaSavelli da una coriacea Eta Beta Fano. Già all’andata la squadra granata aveva imposto un pari agli Squali: anche questa volta è il punto guadagnato è pieno di rimpianti.

 

P.S. Giorgio, Calcio a 5: Futsal Cobà fermata in casa dal Fano. Difesa ospite arcigna: 0 a 0 il finale e primo posto probabilmente sfumato. U19 alla fase nazionale

Probabilmente sfumata la rincorsa alla vetta, da diverso tempo ipotecata dalla Tenax, la gara odierna poteva essere importantissima per stabilire le posizioni in griglia play-off. Nonostante manchino ancora diversi altri incontri, visto anche il rinvio causa infiltrazioni d’acqua all’impianto di casa tra la capolista Castelfidardo e la terza forza Lucrezia, per i padroni di casa quella odierna sarebbe stata una ghiotta occasione per arpionare con maggiore sicurezza il secondo posto, che nelle fasi finali concederebbe diversi vantaggi. Diciottesima di campionato dunque amara per gli Sharks che pagano forse con un po’ di stanchezza il grande impegno fisico e mentale messo in campo negli ultimi turni per risalire la china dopo una prima parte di stagione altalenante e per proseguire con pieno merito il cammino di Coppa.

Una gara che si sapeva insidiosa e che, a seconda delle posizioni che saranno ricoperte a fine stagione, rischia di ripetersi anche nel post regular season.

Compagini avvisate: non sarà una sfida per palati fini, ma anzi, come oggi, probabilmente a prevalere saranno agonismo e tattica.

I fanesi, con il risultato odierno, festeggiato come una vittoria, salgono a 29 punti in quarta posizione, precedendo il Cus Ancona oggi vittorioso sul Corinaldo: un pari imposto ai lanciatissimi Sharks frutto di ottime marcature e di un costante blocco alla fonte del gioco avversario.

Ad una prima fase infatti bloccatissima, con la prima frazione che riservava davvero pochissime emozioni e con un arbitraggio costantemente sordo alle lamentele locali per la numerosa serie di scorrettezze commesse dagli avversari, faceva infatti seguito una ripresa leggermente diversa.

Mentre nei primi 20’ di gioco, dopo il tiro di Lamedica alto sulla traversa e quello fuori di Sgolastra in avvio, era il contropiede non finalizzato da Paschoal quasi allo scadere l’occasioni più limpida per il Futsal Cobà ( che reclamava anche un rigore).

L’Eta Beta pensava invece prevalentemente a difendersi e non scoprirsi, cercando di far male in contropiede: in un paio di occasioni faceva buona guardia Moretti.

Nella ripresa, invece, suonava subito la carica un motivatissimo capitan Bagalini, con Paschoal che chiamava in successione l’estremo ospite alla parata di piede e alla respinta spettacolare.

Il risultato, nonostante il ritmo iniziasse a salire, non si sbloccava, neanche quando negli ultimi minuti Mister Campifioriti tentava la rischiosa carta del portiere di movimento.

Un pizzico di lentezza da parte dei biancoazzurri di casa rendeva prevedibile la loro manovra e sterile la superiorità numerica.

Un pareggio non sarebbe però servito agli Sharks, che, come nel loro DNA, fino all’ultimo secondo provavano a non accontentarsi.

In un paio di occasioni, quasi sulla sirena, gli Sharks arrivavano ad un soffio dalla rete, ma né Lamedica né Siviero riuscivano con i loro tentativi a concretizzare l’assedio al fortino granata.

 “Una piccola battuta d’arresto dopo dieci splendide vittorie consecutive ci può stare – il commento post gara del dirigente biancoazzurro Angelo Taraborelli – vorrei comunque esprimere il più grande plauso a questi ragazzi speciali e a una Società encomiabile. Da domani in poi i nostri pensieri devono tornare a essere completamente positivi per concentrarci al meglio e recitare un ruolo da protagonisti sia nei play-off che nella fase finale della Coppa Italia a Padova.

 

UNDER 19 CAMPIONE!

 

Gli Small Shark conquistano il campionato Nazionale Under 19 con un turno di anticipo e nella “Cobà Arena” i Queen non possono fare altro che monopolizzare la playlist con “We are the Champions”.
I ragazzi di mister Francesco Cintio scrivono un’altra pagina di storia della giovane ma gloriosa società bianco-azzurra, laureandosi Campioni del girone G.
Attenzione però, nella playlist degli Squaletti c’è ancora spazio per Ligabue: “Il meglio deve ancora venire”.
Per Torresi & C si schiudono infatti le porte della fase finale. La fase che vale lo Scudetto.
Dopo le Final Eight di Coppa, un altro grande successo per l’Under 19 rivierasca.
Futsal Cobà – Eta Beta si annunciava come “La” partita per gli Small Shark visto che, in caso di vittoria, potevano far saltare il tappo dello spumante con una giornata di anticipo.
Torresi & C. si presentavano alla Cobà Arena da imbattuti consci però di un impegno non facile, considerato che l’Eta Beta è notoriamente squadra coriacea, come del resto aveva dimostrato nella giornata di ieri la squadra maggiore di Mariotti, imbavagliando gli Shark di Campifioriti su un insolito 0-0.
Dopo un primo tempo contratto, in cui i fanesi si facevano preferire, impegnando in un paio di frangenti Aquilesi prima di portarsi in vantaggio giovandosi di un qui pro quo difensivo, il Futsal Cobà calava gli assi e dilagava nella ripresa .
Zacheo scaldava il destro, Mancini sfoggiava il tacco a tu per tu con l’estremo amaranto, ma lo score locale non si schiodava fin quando il ”Gladiatore” bombardava dalla distanza firmando il pari grazie anche ad una deviazione.
Nella ripresa era tutta un’altra musica. I Cintio boys lasciavano le melodie del primo tempo negli spogliatoi e intonavano il rock. Il rock degli Small Shark.
Dopo 1’40” Zacheo portava avanti il Cobà impalando il portiere fanese con un venefico quanto preciso diagonale che si insaccava sul palo lungo da posizione decentrata.
Lo stesso “Gladiatore” allungava poi involandosi sulla destra con una gran progressione facendo centro sul primo palo.
Mancini incanalava definitivamente il match sui binari biancazzurri con un comodo tap-in da sottomisura.
L’Eta Beta tentava subito il tutto per tutto affidandosi al quinto di movimento.
Per il Futsal Cobà si propiziavano così numerose occasioni in contropiede (tentativo di Cataldi, palo di Zacheo, triangolazione Zacheo-Boutimah-Torresi chiusa a lato e punizione del capitano respinta sulla linea).
I fanesi accorciavano, ma ci pensava la “Lince” a svegliarli dal sogno remuntada. Boutimah infatti, dopo aver centrato il montante a porta sguarnita dalla mediana, gonfiava la rete su assist di Zacheo, il quale centrava poi il poker personale da centrocampo con un comodo rasoterra a porta vuota coronando al meglio la più classica delle ripartenze.
Era Parfenyuk a mettere il punto esclamativo all’incontro siglando il definitivo 7-2 a 8 secondi dal termine dopo aver fatto girare la testa al suo marcatore con una serie di finte.
“Soddisfazione immensa – le parole nel post gara di Mister Cintio, abbracciato da tutti i suoi giocatori – un grande applauso a questi ragazzi per il grandissimo impegno profuso sin da agosto. Non credevamo di poter vivere un’emozione del genere e di crescere tanto partita dopo partita, fino a tagliare anche prima del tempo un traguardo che pensavamo impossibile. Il merito va alla Società e a tutti loro, che ci hanno sempre creduto. Una vittoria importante, come un sogno che si avvera”.

 

 

 

28424155_1696481683706666_3688771976973688211_o

 

 

 

Letture:1320
Data pubblicazione : 04/03/2018 07:58
Scritto da : Redazione Sport
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications