Sport
Fermana F.C.: squadra dai due volti. Primo tempo in balia dell'avversario, ripresa a tutta manetta. 2 a 2 il finale ed emozioni alle stelle

Di tutto e di più: 4 reti, 8 calci d'angolo, 10 ammoniti, un espulso, giocate e gol di alta scuola ed una clamorosa papera. Fermana F.C. e Reggiana non si sono certo risparmiate ed al pubblico accorso al "Bruno Recchioni" non hanno fatto mancare proprio nulla. Primo tempo e compagine canarina che si svela pronta ad adottare accorgimenti. Mister Destro schiera un inedito 4/2/3/1, rispolverando Doninelli (uscirà dopo 23', causa infortunio) e Sansovini (da giocatori come lui ci si aspetta qualcosa di più, in tutta onestà). In difesa, coppia centrale con Ferrante che affianca Comotto. Centrocampo: Maurizi il prescelto, mentre Misin si abbassa ad esterno destro difensivo. Dall'altra parte, Reggiana che prende il campo confermando le anticipazioni di ieri: atteggiamento tattico sfrontato (4/3/3 adottato da Eberini, sebbene mascherato in fase di non possesso), con l'unica variante di Cianci al posto di Altinier che non è riuscito a recuperare in tempo utile. Squadre in campo in ricordo di Davide Astori.  Primo tempo e gara inizialmente in equilibrio, poi ospiti che predono in mano il centrocampo, dove usufruiscono di troppi spazi. E giocatori del calibro di Genevier e Carlini, fautori del calcio manovrato, vanno a nozze nella zona nevralgica, dove i canarini dovrebbero innalzare la diga e prediligere maggiormente l' interdizione. Ma giocare contro questa Reggiana non è facile. Il risultato di 0 a 2 (Riverola di fino, Cattaneo di classe), lascerebbe presagire una passeggiata degli emiliani. Per lo meno sino a quando non si decide di togliere il freno a mano ai gialloblù. Nella ripresa infatti, grazie agli inserimenti di Cognigni e Lupoli, il reparto avanzato acquisisce peso specifico, profondità ed incisività. E dopo un'ora di gioco di netta marca ospite è tutta un'altra storia. Gara dapprima riaperta (sul tiro senza apparenti pretese di Petrucci la topica di Facchin è colossale); poi impattata dallo stesso Lupoli (depositato in rete, di testa, un cross al bacio dello stesso furetto di Arquata). Finale thrilling, con la Fermana F.C. che nonostante l'inferiorità numerica (espulso il già diffidato Misin, che in pochi minuti becca due gialli) ci proverà fino alla fine, dando fondo a tutte le residue energie. Alla fine arriva un altro punticino, che fa classifica e ben sperare per il proseguo di questo interminabile torneo. Che ripartirà con la doppia trasferta di Pordenone e Bergamo (sponda Albinoleffe, ovviamente).

Fermana F.C.: squadra dai due volti. Primo tempo in balia dell'avversario, ripresa a tutta manetta. 2 a 2 il finale ed emozioni alle stelle

FERMANA F.C. – REGGIANA: LE FORMAZIONI UFFICIALI

 

M.C. FERMANA F.C. (4/2/3/1): Valentini; Misin, Ferrante (1' st Gennari), Comotto, Sperotto; Urbinati, Doninelli (23' Grieco); Maurizi (7' st Lupoli); Petrucci, Da Silva (41' st Saporetti); Sansovini (1' st Cognigni). A disposizione: Ginestra, Camilloni, Manè, Salifu, Capece, Rossetti, Favo. All. Destro.

 

REGGIANA (4/3/3): Facchin; Ghiringhelli, Spanò, Bastrini, Panizzi; Bovo, Genevier (25' st Vignali), Carlini (41' st Manfrin); Cattaneo (25' st Rosso), Cianci, Riverola. A disposizione: Viola, Bobb, Rocco, Lombardo, Narduzzo. All. Eberini

 

Arbitro: Sig. Gariglio di Pinerolo (Cecchi/Berti)

Reti: 29' Riverola (R), 33' Cattaneo (R), 22' st Petrucci (FFC), 28' st Lupoli (FFC)

Espulso: Misin (FFC) al 40' st

Ammoniti: Sansovini, Urbinati, Maurizi, Petrucci, Misin e Cognigni (FFC), Bovo, Cattaneo, Spanò e Vignali (R)

Angoli: 4 a 4

Recuperi: 1° tempo 2'; 2° tempo 4'

Note: spettatori totali 1120 (444 abbonati), per un incasso pari ad Euro 7.900,00. Temperatura 13°, pioggia e vento. Presenti all'interno del "Settore Ospiti" 169 sostenitori ospiti.

 

IMG-20180311-WA0021

 

IL PRE GARA.

Iniziativa congiunta da parte delle due Società: in ricordo di Davide Astori, Fermana F.C. e Reggiana entreranno in campo indossando una t-shirt con impressi i loghi dei rispettivi sodalizi, la foto dello sfortunato calciatore della Fiorentina e la dicitura “Ciao Davide”. Probabili formazioni: Destro sfoglia la margherita. Tre i dubbi da chiarire: quale centrale difensivo a far coppia con Comotto? Abbassando Misin sulla linea dei difensori (Clemente squalificato), chi impiegare a centrocampo? E, soprattutto: Cognigni, Lupoli o Sansovini in luogo di Cremona? Interrogativi che verranno chiariti solamente alle 18 e 30. Capitolo Reggiana: emiliani per invertire il brutto trend che lontano dal “Giglio” non li vuole brillantissimi. Eberini dovrà fare a meno del suo uomo migliore, Cesarini (il "Mago" è l'infortunato dell’ultima ora, non è nemmeno salito sul pullman: pronto Riverola) e dello squalificato Crocchianti, mentre per il recupero di Altinier e Ghiringhelli filtra un cauto ottimismo. Il tecnico granata azzarda anche la formazione canarina, “pronosticando” un tridente con Cognigni dall’avvio ed una coppia di esterni in grado di ripiegare e coprire. Da Reggio Emilia sono preannunciati 169 tifosi. Settore Giovanile: la Berretti segna il passo. Dalla stessa “Città del Tricolore”, i ragazzi di Orsini tornano sconfitti per 3 ad 1 (di Serafini il sigillo gialloblù). Perde anche la formazione U15 (sconfitta per 1 a 2 in casa dalla Casertana). La giornata la salvano gli Allievi dell'U17 di Zazzetta, che battono i pari età della Casertana per 1 a 0 (gol di Niane).

 

IMG-20180310-WA0009

 

LA CRONACA DEL PRIMO TEMPO.

Fermana F.C. viva sin dall'avvio. Al 6' Da Silva approfitta di una madornale indecisione di Spanò per fuggire palla al piede sino al limite dell'area ospite. Botta secca, Facchin respinge in "presa saponetta" (estremo difensore granata da rivedere), anche se poi recupera andando a disinnescare il tap in di Maurizi. Capovolgimento di fronte ed occasione analoga. Botta di Bovo, Valentini devia, Carlini cerca il colpo risolutore sul quale è Ferrante ad immolarsi. Canarini come sempre attenti in difesa, aggressivi, agonisticamente reattivi, concreti e pronti anche a randellare se necessario. La gara però, si mantiene su buoni ritmi soprattutto per le iniziative - portate quasi esclusivamente dall'out mancino, per i locali origine di tutti i mali - della squadra di Eberini. 15': sull'asse Carlini - Panizzi - Bovo è costruita e conclusa un'azione da manuale, sventata da una parata - miracolo del solito Valentini, decisivo nel deviare con la punta delle dita il cuoio in corner. Difficile da affrontare questa Reggiana. I 4 centrocampisti sono autentici incursori, con Bovo che - in particolare - trova sempre i tempi giusti per inserirsi ed andare a sostegno di Cianci. Lanciato a rete, lo stesso attaccante granata sbatte su Valentini, che esce fuori area per arrestarne la minacciosa avanzata. La Regia però, in piena supremazia territoriale, insiste. 19' ed ennesima avanzata di Panizzi, che a sinistra semina il panico e manda in mezzo. Nessun granata raccoglierà il suo assist. La partita di Doninelli (al rientro, era atteso dopo un periodo decisamente no) termina poco oltre il 20' (infortunio): entra Grieco. Giusto giusto per sorbirsi l'uno - due della formazione ospite, che tra il 29' ed il 33' la butta dentro due volte. Continuando a giocare attraverso gli scarichi su Cianci, che favoroscono gi inserimenti dei vari Bovo, Riverola e Cattaneo, gli ospiti trovano infatti - improvvisamente ma non troppo - quella concretezza offensiva sino ad allora solamente accennata. Ed al pregevole lob di Riverola (chapeau), segue l'inserimento con gioco a due piedi di Cattaneo, che semina tre avversari e tocca morbido il pallone del 2 a 0. Fermana F.C. morta? Sembrerebbe. Ma non sarà così. A centrocampo non se ne prende una che è una, ma a tenere a galla i locali è l'orgoglio. In uscita i gialloblù sono sempre lenti, compassati e mancano anche di lucidità nella rifinitura. 36': Sansovini controlla bene e conclude meglio in diagonale. Stavolta Facchin c'è e manda in angolo. 43' torsione e colpo di testa di Urbinati: palla fuori di un Amen. Segnali di vita, nonostante gli ospiti sembrino non accontantarsi e continuare incessantemente a spingere in ogni zona del campo.

 

IMG-20180311-WA0020

 

IL SECONDO TEMPO: CRONACA DI COME RECUPERARE UN MATCH PERDUTO (ARIDAJE...)

Mister Destro non ci sta e come col SudTirol e col Teramo (in questi casi avversari sopra di due reti, ma gare riprese e vinte anche a Santarcangelo e Salò) corregge il tiro. Subito Gennari per Ferrante e, soprattutto, Cognigni per l'abulico Sansovini. Il Luca cittadino giocherà in coppia con Da Silva, andando a formare un tandem che col passare dei minuti - e poco più avanti rafforzato ancora di più dall'ingresso di Lupoli (perdonateci la presunzione, ma sosteniamo da tempo che per la Fermana F.C. sia elemento imprescindibile. Sempre) - dopo un'ora di gioco inizierà a togliere certezze ad una Reggiana che appare ancora forte e convinta dei propri considerevoli mezzi. Calcisticamente scrivendo però, da questo momento (e' il 7' della ripresa) gli uomini di Eberini avranno i minuti contati. Perchè porteranno pressing alto e cercheranno di rallentare i ritmi di un match incanalato verso di loro, attraverso un giro palla che avrà la pretesa di mandare fuori giri la compagine di casa, concedendo solo le briciole di una gara considerata, forse, conclusa con mezz'ora di anticipo. Alla fine avranno avuto torto, perchè non preparati e colti di sorpresa da uno dei tanti proverbiali secondi tempi della sino ad allora solo generosa Femana F.C. Che dopo aver cambiato pelle, atteggiamento tattico e tolto il freno a mano, inizia a macinare. Il primo lampo è di Da Silva (Facchin para). 21', doppia conclusione Lupoli - Da Silva, i 16 metri ospiti sono un flipper, la palla rimbalza lontana e Petrucci la rintuzza all'interno di una tonnara. Facchin è lì, sembrerebbe comodo, ma si incarta irrimediabilmente trasformando un pallone innocuo nel gol della speranza: 1 a 2 e gara riaperta. La Fermana F.C. ora spinge dando vita ad un generoso assalto e cambiando letteralmente l'inerzia di un match che sembrava segnato. Di contro, la Reggiana deve riordinare le idee. Eberini prova a metterci una pezza, ridisegnando il centrocampo (dentro Vignali e Rosso) e piazzando Bovo a far da schermo avanti alla difesa. Ma la sua squadra sbanda. E' il 28' quando Petrucci manda in mezzo: Lupoli è falco ed ariete al tempo stesso, anticipa il diretto avversario, spizza e colloca il pallone là dove si annidano i nemici dell'igiene: 2 a 2! Se gioca per attaccare, la Fermana F.C. non teme nessuno. 35', ancora Lupoli, ma la sua conclusione non inquadra lo specchio. Canarini che continuano a premere, non correndo più rischi. Nemmeno quando resteranno in 10 causa - affrettata - espulsione di Misin (doppio giallo). Adesso, prima della doppia trasferta (prima a Pordenone, poi in casa dell'Albinoleffe) urge un serio esame di coscienza, una forte autocritica: perchè questa squadra trova la sua vera identità dopo aver preso schiaffoni? Troppo timore, troppo rispetto degli avversari: persa per persa, dentro gli attaccanti. Ed il sacro fuoco gialloblù, torna improvvisamente ad ardere...

 

IMG-20180311-WA0017

 

SETTORE GIOVANILE: BERRETTI SCONFITTA A REGGIO EMILIA. PERDE ANCHE L'U15, VINCE L'U17.

3 ad 1 per i locali e la formazione di Mister Orsini, dopo una lunga striscia di successi che le sono valsi la qualificazione ai play off, torna sulla terra. Di Serafini il gol della bandiera gialloblù. Perde anche la formazione Under 15 (Giovanissimi Nazionali) allenata da Fabio Scoponi. I pari età della Casertana passano per 1 a 2 (rete canarina di Vitali). L'onore è salvato dalla formazione Under 17. Anche per gli Allievi, avversari i pari età della Casertana. I ragazzi di Zazzetta si sono imposti per 1 rete a 0. A firmare il gol partita, il canarino Niane.

Letture:2279
Data pubblicazione : 11/03/2018 08:19
Scritto da : Redazione Sport
Commenti dei lettori
0 commenti presenti
Aggiungi il tuo commento
indietro

Redazione
email:
redazione@informazione.tv
Tel 0734620707 - 0734623636 Fax 0734600390
Via Mazzini 13 - Fermo  -  Cookie Policy

 

Radio Fermo Uno iscritta nel Registro dei Giornali e dei Periodici del Tribunale di Fermo il 9 aprile 1988 con il numero 7. Il 20 giugno 2001 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, Cancelleria civile che la testata è divenuta anche un quotidiano on-line attraverso la pubblicazione sul sito www.radiofermouno.it. In data 16 maggio 2005 è stato comunicato al Tribunale di Fermo, cancelleria civile, che dal sito www.radiofermouno.it è scaturita l'appendice on-line riguardante notizie di cronaca, economia, politica e sport, denominata www.informazione.tv

 

Engineered by JEF - Knowledge Applications